0 Shares 12 Views
00:00:00
14 Dec

L’informazione in rete è a rischio censura

LaRedazione
18 settembre 2009
12 Views

Dopo il DDL Alfano, il DDL Pecorella. E” stato lanciato l’allarme in questi ultimi giorni e ancora non si sa come venirne fuori.

Il 14 settembre, gli onorevoli Costa e Pecorella hanno firmato un disegno di legge che prevede l’applicazione della disciplina sulla stampa a tutti i siti internet avente natura editoriale.

E’ l’avvocato Guido Scorza a spiegarci di cosa si tratta esattamente: l’art. 11 della Legge 47/1948 prevede che "Per i reati commessi col mezzo della stampa sono civilmente responsabili, in solido con gli autori del reato e fra di loro, il proprietario della pubblicazione e l’editore". Ciò significa aprire la porta ad azioni risarcitorie a sei zeri contro i proprietari delle grandi piattaforme di condivisione dei contenuti che si ritrovino ad ospitare informazioni o notizie "scomode" pubblicate dai propri utenti.

Ovvero: tutti i proprietari di piattaforme UCG (User Generated Content) faranno in modo che gli utenti non pubblichino contenuti che potrebbero essere disdicevoli ed offensivi. E questo soltanto per quanto riguarda la responsabilità civile.

Per quanto riguarda quella penale invece, sembra che i blogger e i gestori di siti Internet dovranno adeguarsi alle stesse leggi sulla diffamazione che regolano i giornali e i telegiornali.

Definito un autentico terremoto dalllo stesso Scorza, il DDL Pecorella è una vera e propria concretizzazione della censura che gli amanti della Rete avevano già temuto con il DDL Alfano.

Sul Sole24Ore, Luca Boschi si chiede come mai alcuni giornalisti non hanno ancora rivendicato la loro presenza e l’amore per il loro lavoro. Dopo il DDL Alfano, sembrava che le acque si fossero calmate, ed ecco arrivare la notizia di un nuovo disegno di legge.

Chiunque volesse fare qualcosa, può andare su Diritto alla Rete. E’ qui che Enzo Di Frenna invita a partecipare alle varie forme di protesta contro questo vergognoso tentativo di imbavagliare definitivamente la rete.

Riprendiamoci la libertà d’informazione.

Loading...

Vi consigliamo anche