0 Shares 14 Views
00:00:00
15 Dec

Le aziende italiane non amano i social networks

7 luglio 2010
14 Views

Se a livello globale i social networks sono diventati ormai uno strumento quotidiano a disposizione delle aziende, questo non sembra valere per l’Italia: lo sostiene Regus in una ricerca nella quale stima che il 40% delle imprese di tutto il mondo ha utilizzato con successo i social networks per accaparrarsi nuove attività mentre la percentuale nel nostro paese non supera il 38%.

Testimone della fiducia che le imprese ripongono al momento nei social networks, è la scoperta che ben oltre un quarto delle imprese a livello mondiale (27%) ha stanziato una quota del proprio budget di marketing per le attività connesse al social networking.

A livello mondiale, i social networks sono ancora utilizzati per le loro funzionalità originarie. L’utilizzo maggiormente diffuso dei social network consiste nel mantenere i rapporti con i contatti commerciali: il 58% degli intervistati a livello mondiale dichiara infatti di utilizzare i network in tal senso. Altrettanto popolare è l’entrare a far parte di gruppi di interesse specifici (54%).

Sebbene numerosi scettici (34%) ritengano che il social networking non diventerà mai un metodo significativo per mettersi in contatto con clienti e potenziali clienti, il 51% delle aziende organizza, contatta o gestisce i gruppi di clienti mediante i social network e Il 54% delle aziende utilizza i social network per reperire utili informazioni commerciali. Il dato sorprendente, tuttavia, è che soltanto il 22% degli intervistati ha trovato una nuova occupazione attraverso il social networking e ciò nonostante le funzionalità specifiche di ricerca di posti di lavoro di alcuni network come ad esempio LinkedIn.

In Italia, in particolare, soltanto il 22% delle aziende ha stanziato una percentuale del budget di marketing per le attività connesse al social networking rispetto al 27% della media mondiale. Sebbene il 59% degli intervistati abbia utilizzato il social networking per mantenere i rapporti con i propri contatti e il 56% utilizzi tali piattaforme per entrare a far parte di gruppi di interesse specifici (54% a livello mondiale), solo l’11% degli intervistati ha utilizzato il social networking a scopo di socializzazione personale (66% a livello mondiale). Il 51% ha dichiarato poi che la principale utilità dei social network è la possibilità di gestire e mettersi in contatto con gruppi di clienti. Il 38% degli intervistati ha dichiarato anche di essere affascinato dalle animazioni audio/video presenti sul profilo di una società, rispetto al 44% della media globale.

L’indagine ha inoltre analizzato le differenze a livello di dimensioni aziendali scoprendo che, nel complesso, le società di piccole dimensioni mostrano una maggiore propensione (seppur lieve) rispetto alla media a utilizzare il social networking. In Italia il 43% delle piccole imprese rispetto al 27% delle grandi imprese ha trovato nuovi clienti mediante i social network sebbene la stessa percentuale di piccole e grandi imprese (23%) decida di destinare attivamente il budget di marketing a tale attività. Un numero superiore alla media di piccole imprese (58%) ritiene che il principale utilizzo dei social network consista nel gestire, mettersi in contatto con e organizzare i gruppi di clienti.

Loading...

Vi consigliamo anche