0 Shares 9 Views
00:00:00
18 Dec

Libri gay su Amazon? Spariti e la Rete protesta

LaRedazione - 15 aprile 2009
LaRedazione
15 aprile 2009
9 Views

Durante le ferie di Pasqua, il ranking di tutti i libri gay su Amazon si era improvvisamente abbassato e la letteratura omosessuale sembrava essere sparita dagli scaffali della più grande libreria virtuale del web.

Perfino Annie Proulx, autrice di Brokeback Mountain, non compariva più tra gli scrittori di besteseller. Cosa è successo?

Sul Corriere della Sera è spiegato bene: "Amazon aveva messo un filtro che escludeva 57.310 libri causa argomenti e/o auto­ri omosessuali (c’erano anche saggi di sessuologia e di medi­cina) dalle classifiche online e dalle ricerche di routine". Secondo Amazon il motivo dell’inserimento di tali filtri risiede nella selezione di materiale per adulti e nella cautela con cui è necessario trattare alcuni clienti.

Ma in Rete, com’era prevedibile che accadesse, si è scatenata la bufera e su Twitter, Facebook e su alcuni blog dedicati all’omosessualità si sono mobilitati omosessuali ed eterosessuali che hanno così movimentato il fine settimana pasquale. Su QueerBlog, il post riguardante l’argomento è stato addirittura, e giustamente, taggato omofobia. 

Amazon non è rimasto indifferente al caos creato dagli abitanti del web e subito ha deciso di scusarsi e di -inventare?- qualche scusa che a molti è sembrata grossolana: il problema è stato causato da un errore di catalogazione.

Dopo le dovute scuse e le dovute garanzie, su Amazon, da ieri pomeriggio, sono nuovamente disponibili alcuni dei titoli che erano improvvisamente scomparsi ma la brutta figura di Amazon resta e sono in molti a pensare che non c’è da fidarsi e che è meglio stare attenti al modo in cui la weblibreria "cataloga" e, quindi, tratta i libri gay e non.

Loading...

Vi consigliamo anche