0 Shares 12 Views
00:00:00
17 Dec

Password rubate su Linkedin, come verificare il proprio account

dgmag - 7 giugno 2012
7 giugno 2012
12 Views

Nelle ultime ore Linkedin è stato vittima di un ingente furto di password a livello mondiale che ne ha compromesso la stabilità e ha riportato all'attenzione generale il problema della sicurezza online che appare sempre più difficile da gestire.

Nel complesso sono 6.5 milioni gli account violati e molti di questi sono stati ora disattivati proprio da Linkedin che ha deciso di bloccarli per evitare ulteriori problemi e in attesa di sviluppi prossimi.

Secondo l'azienda le persone che hanno violato gli account hanno pubblicato online solo la lista delle password criptata e senza il relativo login di riferimento e questo non rende rischioso nulla se non, chiaramente, la violazione completa della propria privacy e la necessità di rivedere ed eventualmente cambiare tutte le password personali specie se si utilizza lo stesso nome utente per entrare in altri siti.

Esiste un modo per sapere se la propria password è stata violata e pubblicata tramite un sito allestito proprio da Linkedin a questo indirizzo dove basta inserire la propria password di accesso al social network per verificare se questa è stata o meno sottratta e quindi presente nel database mandato online.

Chiaramente il consiglio che arriva da Linkedin stesso è di modificare i propri dati di accesso al social network anche se non si è stati vittima di ladrocinio così da evitare furti in futuro e di modificare contestualmente i dati di accesso a tutti i siti e servizi per i quali è stata usata la stessa password.

Infine Linkedin consiglia di non visitare gli eventuali siti consigliati in eventuali email inviate da Linkedin perchè potrebbe trattarsi di email false create allo scopo di carpire i dati sensibili degli utenti a cui la password non è stata ancora sottratta.

La situazione sarà risolta, stando ai gestori del social network, in breve tempo per riportare tutto alla normalità.

Loading...

Vi consigliamo anche