Mamme digitali crescono, il Web è rosa

Le donne europee, e soprattutto le mamme, sono sempre più interessate alla tecnologia e sempre più si dedicano a questa per essere al passo con i tempi e per valorizzare il poco tempo libero che hanno: lo sostiene uno studio condotto  dall’European Interactive Advertising Association (EIAA) nei Paesi dell’Europa occidentale secondo cui il 62% delle donne europee con figli under 18 accede regolarmente al Web.

Lo studio EIAA è basato su 7.036 interviste telefoniche casuali con
oltre 1000 intervistati in Gran Bretagna, Germania, Francia, Spagna,
Italia e i Paesi Nordici e  500 in Belgio e in Olanda; le interviste
sono state effettuate nel mese di settembre 2006.

In Italia la percentuale delle mamme che hanno scoperto Internet nel 2006 si ferma al 30% con un incremento del 15% e il 71% delle madri sceglie Internet per motivi personali.

I siti preferiti dalle mamme digitali, secondo l’EIAA, sono quelli di news e informazione compresi i social networking (22%); le stesse partecipano ai sondaggi (16%) e sono attive sui blog (15%).

Le donne con bambini di età tra 0 e 9 anni fanno più acquisti online e operazioni in Rete (il 63% va sui siti bancari e di finanza), mentre quelle con figli tra i 16 e i 18 anni si focalizzano più sull’intrattenimento (49%) perché cominciano a riguadagnare tempo; rispetto al 2005, si è registrato un picco del 63% di mamme che scaricano film e programmi tv, un terzo (31%) scarica invece musica, il 28% ascolta la radio online, mentre il 16% si diverte sui siti di giochi d’azzardo.

Le mamme europee utilizzano Internet anche per telefonare (63%) mentre la messaggistica istantanea è utilizzata nel 38% dei casi analizzati; la fascia oraria in cui le donne con figli si collegano di più è compresa tra le 17.30 e le 21, a dimostrazione della volontà di ritagliarsi dello spazio personale una volta sistemate le incombenze che il loro ruolo di madre e moglie, spesso anche lavoratrice, impone.

Solo qualche giorno fa l’l’Osservatorio permanente sui contenuti digitali di ACNielsen rilevava che la distanza tra uomini e donne nell’utilizzo di Internet si sta assottigliando con il passare del tempo al punto tale che tra i teenager le ragazze sono più propense ad un uso sociale e informativo della Rete rispetto ai loro coetanei.

E lo studio EIAA conferma proprio che Internet può essere un prezioso alleato nella gestione e nella valorizzazione della vita quotidiana di tutte quelle donne super impegnate che, proprio grazie alla Rete, non solo riescono ad organizzarsi ma riescono a trovare spazio per se stesse pur nel marasma generale.