0 Shares 10 Views
00:00:00
12 Dec

Pechino riapre le porte a Facebook, Twitter e siti esteri ma solo a Shangai

Gianfranco Mingione
24 settembre 2013
10 Views

Una mini rivoluzione in arrivo? Secondo il “South China Morning” all’interno dell’area di libero scambio di Shangai, per la prima volta, si potrà accedere alle piattaforme online e ai siti web esteri considerati politicamente sensibili dal governo, inclusi Facebook, Twitter, il New York Times. Questa mini rivoluzione, che avviene a distanza di quattro anni dal blocco dei due noti social network, riguarda una superficie di 28,78 chilometri quadrati nel distretto di Pudong. Secondo le fonti governative ci sarebbe anche la possibilità, per le aziende estere, di competere all’interno della zona economica speciale con quelle cinesi nelle gare per l’assegnazione delle licenze dei servizi internet.

Un mercato “goloso”. Per Facebook sarebbe un ottima opportunità di espansione in quella che è, di fatto, la seconda economia globale dopo gli Stati Uniti. Nel paese del Dragone la rete sociale online ha raggiunto 1,15 miliardi di utenti attivi. Ad oggi gli utenti cinesi della rete si ritrovano a conversare su diverse piattaforme, come la chat QQ, la rete sociale online RenRen, il microblog Sina Weibo.

[foto: en.shftz.gov.cn]

 

 

 

 

Vi consigliamo anche