Pubblicità online: Microsoft si prende Ciao.com

Mentre l’affare Yahoo! sembra ormai archiviato, Microsoft si getta nel redditizio mondo dell’e-commerce raggiungendo quasi sommessamente un accordo per acquistare Greenfield Online, società tedesca con sede a Monaco proprietaria di Ciao.

Ciao vanta più di 26 milioni di utenti al mese e consente a chiunque, iscritto, di paragonare i prezzi dei più svariati prodotti in sette lingue per un totale di sette nazioni coperte in Europa; i prodotti vengono commentati dagli utenti e i commenti possono essere consultati anche da chi non è iscritto al sito, generando così una vera e propria catena vincente.

Sui sette siti attivi di Ciao in Francia, Germania, Italia, Olanda, Spagna, Svezia e Regno Unito i visitatori unici sono 26,5 milioni al mese, le recensioni sono circa 5 milioni e riguardano prodotti di oltre 2.200 fornitori.

Greenfield possiede anche un’attività di ricerche di mercato che fa indagini su Internet ma che Microsoft vorrebbe vendere a breve.

Stando all’accordo, gli azionisti di Greenfield riceveranno 17,50 dollari per azione e l’accordo potrebbe essere formalizzato entro la fine del 2008 con il pagamento di 486 milioni di dollari da parte di Microsoft alla società tedesca.

Lo scopo di Microsoft è chiaro: aumentare e non di poco la visibilità del suo Live Search, rendendolo il primo punto di riferimento per la ricerca e lo shopping online; c’è da dire che ora come ora il vero punto di riferimento del settore della comparazione dei prezzi è Yahoo! e nello specifico il suo Kelkoo, acquisito nel 2004, che ha anche la versione mobile ed è dunque molto più fruibile da parte di tutti gli utenti.

E anche Google si sta muovendo in questo settore e sta varando Google Products, per ora solo in fase di testing ed in inglese: il primo esperimento in questo senso, Froogle, fu un vero flop ma adesso Mountain View ci riprova e, con l’ingresso di Microsoft nel settore, non è detto che l’impegno non venga premiato.