0 Shares 9 Views
00:00:00
13 Dec

Querela contro blogger, Beppe Grillo cerca avvocati

LaRedazione
10 agosto 2009
9 Views

Beppe Grillo salverà i blogger, o perlomeno è quello che intende fare.

Contro il decreto Alfano, il comico ha intenzione di schierare un pool di avvocati che metta in guardia la rete e che riesca a difendere tutti i querelati dalle accuse di diffamazione.

Lo ha annunciato ieri sul suo blog e l’iniziativa è assai lodevole: Chiedo a tutti gli avvocati che mi leggono che vogliono difendere gratuitamente i blogger di inviarmi i loro riferimenti. Li inserirò in una lista sul blog. Per i casi più complessi metterò a disposizione i miei avvocati, che ormai vantano una certa esperienza. Nel blog sarà disponibile a settembre un’area di aiuto per i blogger querelati con i fatti da sapere per difendersi, gli studi legali cui rivolgersi e l’elenco delle cause in corso contro le pubblicazioni in rete.

Il problema, secondo Grillo, è che la querela è lo strumento che le istituzioni utilizzano per tappare la bocca e per imbavagliare l’informazione. Con il decreto Alfano, a farne le spese saranno quei blogger con un conto in banca non proprio invidiabile. Aiutarli o tentare di farlo potrebbe essere la missione degli avvocati chiamati in causa.

Come sempre qualcuno in rete ha già espresso la sua opinione in merito. Massimo Mantellini crede che sia un’ottima idea ma che questa non provenga dalla persona adatta. Nel frattempo raccoglie commenti sul suo blog: Potrebbe ad esempio essere utile una FAQ per non farsi querelare, utile anche ai commentatori, scrive per l’appunto un commentatore.

Di sicuro a breve blogger e netizen ci faranno sapere se questa iniziativa piace e se potrebbe trasformarsi in qualcosa di concreto.

Voi cosa ne pensate?

Vi consigliamo anche