Ricette mediche online dal 2009?

Dal 2009, e almeno fino al 2012, le ricette mediche e specialistiche potrebbero essere richieste online allo scopo da un lato di sveltire le procedure e dall’altro di tenere sotto controllo la spesa pubblica in materia sanitaria: il provvedimento potrebbe essere inserito nella prossima Finanziaria.

Nello stesso provvedimento prenderebbe posto anche l’ipotesi in base alla quale i cittadini potranno prendere medicine in farmacia senza ricetta ma solo esibendo la tessera sanitaria e a ricorrere alla ricetta via web saranno solo i malati cronici; in questo caso il risparmio stimato per la prescrizione online sarebbe pari a circa il 10% della spesa farmaceutica ovvero poco inferiore ai 15 miliardi l’anno scorso.

 

Il 18 o 19 giugno la proposta sarà portata in Consiglio dei Ministri poi a settembre ci sarà la Finanziaria vera e propria "con annesso bilancio, dal contenuto essenziale e senza norme sostanziali, perchè quelle saranno già varate dal Parlamento entro giugno", ha spiegato il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi.

I medici di famiglia hanno accolto con favore l’ipotesi di sbarcare sul Web e si dicono "disponibili nei confronti del Governo a sostenere questa iniziativa" anche se "esistono seri problemi di organizzazione" e il 2009 è "troppo vicino".

Tra le misure da adottare per l’informatizzazione della Sanità anche un tavolo permanente per l’armonizzazione delle politiche della sanità elettronica che avrebbe tra i suoi scopi la realizzazione del "fascicolo sanitario elettronico del cittadino", una cartella elettronica sanitaria dei cittadini.