0 Shares 8 Views
00:00:00
16 Dec

Rivolta Libia su Twitter: hashtag per seguire la situazione

dgmag - 21 febbraio 2011
21 febbraio 2011
8 Views

Dopo l’Egitto, è la Libia a rivoltarsi contro la dittatura di Moammar Gheddafi e a scendere in piazza da qualche giorno sono uomini e donne che sperano di poter ribaltare la situazione.

Ad oggi le notizie arrivano frastagliate ed è difficile decifrarle soprattutto perchè il regime ha tentato in tutti i modi di bloccare Internet nonostante Google alla fine abbia permesso di aggirare il blocco permettendo così ai manifestanti di raccontare cosa accade via Twitter e Facebook.

Per via di questa situazione la Farnesina sconsiglia i viaggi in Libia e l’annuncio appare sul sito Viaggiare Sicuri dove si raccomanda a chi si trova nel Paese di "evitare gli assembramenti di folla, di allontanasi immediatamente dalle zone dove siano in corso manifestazioni e, in generale, di rimanere sempre aggiornati sull’attualità internazionale e regionale".

Molte le aziende con sede in Libia che stanno rimpatriando dipendenti e familiari in Italia.

Per seguire la situazione in Libia consigliamo di utilizzare Twitter utilizzando i seguenti hashtag: #libya, #gaddafi, #tripoli, #feb17.

Altri hashtag importanti sono #ShababLibya e #Feb17Libya che rimandano al Libyan Youth Movement e #ajenglish.

Interessante il mashup sviluppato da @Arasmus che sfrutta Gogle Maps per organizzare i fatti narrati su Twitter.
 
Altro strumento utile è AlJazeera che segue costantemente e continuamente cosa accade a Tripoli e dintorni con la sua tv online accesa 24 ore su 24; Cnn ad oggi dice di non riuscire a seguire correttamente cosa accade per via delle limitazioni imposte dal regime.

Loading...

Vi consigliamo anche