0 Shares 11 Views
00:00:00
16 Dec

Web tv, online tutti i contenuti della Rai

dgmag - 11 febbraio 2009
11 febbraio 2009
11 Views

Lanciati due nuovi portali che rilanciano il servizio pubblicoSono stati presentati ufficialmente ieri i due nuovi portali della Rai, Rai.it e Rai.tv, varati per permettere a milioni d’internauti in tutto il mondo di fare zapping online attraverso 22 canali televisivi.

L’homepage di Rai.it ora è progettabile da ogni utente nei contenuti e nella forma; il portale infatti, offre la possibilità di scegliere i contenuti da visualizzare, il posizionamento nella pagina, gli aggiornamenti tematici. E anche i colori della grafica di sfondo posso essere scelti dagli utenti.

La novità più succusa è però Rai.tv che permette, ora come ora, di guardare online e live sette canali televisivi (RaiUno, RaiDue, RaiTre, RaiNews24, RaiSportPiù, RaiStoria e RaiEdu1), sette canali radiofonici e otto canali Web; un numero destinato ad aumentare e che porta la Rai, ad oggi, ai livelli del portale della BBC che ad oggi di canali ne offre 23.

Oltre alle dirette, più di 500 programmi disponibili on demand dopo la messa in onda, 60 programmi in podcast audio e video, una ricca selezione di contenuti di archivio Rai, per arrivare ad un totale di oltre 61.000 file video; e attraverso Rai.tv, sarà possibile tra circa un mese e grazie alla messa online di MyRai.tv, dare vita ad un’area in cui ogni utente potrà creare le proprie playlist audio e video.

Tra i problemi, si segnala una qualità video decisamente scarsa e la necessità di scaricare (anche se gratuitamente) Silverlight, un software di proprietà Microsoft che potrebbe essere difficoltoso da sopportare specie se installato su macchine non proprio nuove, per l’utilizzo dei siti.

Ma la vera nota stonata è che i 22 canali di volta in volta saranno oscurati quando in onda andranno immagini, soprattutto di sport, per le quale l’azienda non ha acquistato i diritti tv internazionali.

Quello che va sottolineato, al di là dei ritardi, delle carenze e delle problematiche, è che la Rai finalmente prova a svecchiarsi, abbraccia la tecnologia con i tutti suoi linguaggi e da broadcaster diventa fornitore di contenuti e servizi personalizzabili, multipiattaforma e multicanale.

A margine della conferenza stampa di presentazione di Rai.it e Rai.tv Piero Gaffuri, direttore Rai Nuovi Media e ad RaiNet, ha annunciato anche il varo di un prossimo sito dedicato alla telefonia mobile.

Loading...

Vi consigliamo anche