0 Shares 7 Views
00:00:00
11 Dec

McAfee: Lily Collins è la star più pericolosa da cercare sul web

LaRedazione
19 settembre 2013
7 Views

State per scrivere il nome di Lily Collins nella barra di ricerca del vostro motore preferito? Fermatevi, lasciate andare il mouse e date uno sguardo al report annuale di McAfee. La nota azienda di sicurezza infatti ha proposto una classifica dei personaggi il cui nome, ricercato nel web senza far troppa attenzione ai risultati proposti, può portare a un attacco virale di media o alta entità.

Quando si parla di Collins è ovvio pensare al mitico Phil, ovvero suo padre, il quale però è a prova di virus. Il problema sorge con la splendida Lily, 24enne attrice e giornalista, che inspiegabilmente detiene questo strano e fastidioso record.

Ogni anni vengono poste in classifica ben 10 celebrità, che solitamente sono le più in vista di quell’anno, e dunque sottoposte a maggiori ricerche rispetto ad altre, e proprio per questo vittime preferite di chi decide di celare spyware e trojan in giro per la rete. A completare il podio insieme alla Collins ci sono a sorpresa Avril Lavigne e Sandra Bullock, mentre non vi è traccia in questa lista della vincitrice dello scorso anno, Emma Watson, che di certo ne sarà sollevata.

Come spesso accade nel report di McAfee, le celebrità a rischio sono nella maggior parte dei casi donne, anche se quest’anno riesce a intrufolarsi un uomo, Jon Hamm, noto soprattutto per Mad Men, che si piazza ottavo.

In generale però gli uomini non rappresentano questo gran problema, probabilmente perché a cercare maggiormente immagini e video di star sono in particolare gli uomini, spesso alla caccia degli ultimi scatti della propria star preferita. Nel 2007 fu Paris Hilton a dar vita a questa strana classifica, ottenendo per la prima volta il titolo di celebrità a rischio. Numerose le foto che la ritraevano nel corso della sua sfrenata vita notturna, per non parlare di un video fin troppo privato finito in rete. Tanto clamore però andò in buona parte scemando nell’arco di un anno, e così nel 2008 c’è stata la prima abdicazione, con un nuovo re in vetta, sì un re, perché il 2008 è di certo l’anno di Brad Pittl’unica vera star maschile a far correre seri rischi in rete ancora oggi.

Sulla vicenda delle ricerche a rischio si è espresso Robert Siciliano, ovvero il capo della sicurezza di McAfee, la cui idea è che la voglia di gossip online non potrà mai essere placata, anche se proteggersi non è di certo impossibile.

Vi consigliamo anche