0 Shares 23 Views
00:00:00
18 Dec

Facebook manovra davvero il nostro smartphone?

LaRedazione - 22 agosto 2013
LaRedazione
22 agosto 2013
23 Views

In seguito alla diffusione dell’app ufficiale di Facebook per smartphone è possibile accedere facilmente alla chat e al social network anche con i dispositivi mobili. Possiamo decidere quali informazioni condividere e con chi nel nostro profilo, ma questo basta a garantire la nostra privacy? L’applicazione per smartphone è semplice e comoda da usare, ma nasconde delle notevoli falle di sicurezza. Innanzitutto la Facebook Home sembra bypassare il blocco di sicurezza del dispositivo mobile, per cui chiunque potrà accedere al nostro account senza bisogno di sbloccare lo schermo. Come risolvere il problema? Sarà necessario reimpostare il blocco di sicurezza nelle impostazioni della Home.

Una investigazione del “London Times” ha rivelato che Facebook può spiare facilmente il contenuto dei nostri messaggi privati. Quale giustificazione ha dato l’azienda per questa violazione? Secondo le dichiarazioni ufficiali gli utenti accettano queste condizioni con il contratto di download dell’app, che viene ovviamente ignorato dalla maggior parte degli user. Grazie a Facebook Home sullo smartphone non è più necessario accendere il computer per controllare Facebook. È quindi decisamente maggiore il tempo trascorso sul social network: secondo un rapporto Idc ogni utente controlla Facebook sul cellulare ben 14 volte al giorno. Aumenta così il numero di informazioni che trasmettiamo nel nostro profilo e che sono potenzialmente più a rischio di diffusione.

Un altro pericolo nascosto nell’uso del social network attraverso lo smartphone è connesso al sistema GPS integrato nel dispositivo mobile. Ogni volta che facciamo una foto e la condividiamo nel nostro profilo Facebook vengono registrati il luogo e la data in cui l’abbiamo scattata. Queste informazioni, chiamate geo-tag, possono essere facilmente recuperate da chiunque. Basterà infatti scaricare degli appositi add-ons gratuiti per il browser che ci mostreranno sulla mappa il luogo preciso di provenienza del tag. Stalker e criminali potranno quindi scoprire facilmente tutti i nostri spostamenti. Per questo motivo è bene verificare con attenzione le impostazioni del proprio GPS.

Oltre ai problemi di sicurezza e di privacy legati all’uso di Facebook su smartphone non mancano le numerose applicazioni create appositamente per spiare amici e partner. Queste app permettono di controllare messaggi, chiamate, cronologia di siti web visitati e spostamenti grazie al GPS. Sviluppate inizialmente per controllare i telefoni di lavoro dei dipendenti, diventano ora una vera e propria minaccia alla nostra vita privata. Come viene controllato il profilo Facebook? L’applicazione mostra le statistiche dei messaggi, chiamate, sms e conversazioni dell’utente spiato.

Loading...

Vi consigliamo anche