0 Shares 11 Views
00:00:00
15 Dec

Facebook riduce la privacy: si potrà essere cercati anche per nome

LaRedazione - 11 ottobre 2013
LaRedazione
11 ottobre 2013
11 Views

A breve l’opzione che permette agli utenti di esser invisibili e quindi di non esser ricercabili tramite il nome verrà disattivata, e di conseguenza tutti i profili diverranno pubblici.

Facebook ha quindi sollevato un gran polverone sul web: in molti sono gli utenti che si sono lamentati di questo progressivo cambiamento, che mette tutti in relazione in maniera quasi obbligatoria, e che di fatto riduce notevolmente il livello della privacy degli utenti.

La risposta di Facebook però non si è fatta di certo attendere: i rappresentati del social network hanno spiegato che era troppa la confusione che albergava tra gli utenti, in quanto magari un utente cercava un amico inserendo tutti i dati privati, come nome e cognome, e questo non compariva nella ricerca, proprio perché era impostato sulla modalità invisibile ed introvabile tramite ricerca.

Rimane quindi il rammarico di aver perso uno dei diritti più importanti, ma esistono comunque diversi rimedi per poter non essere cercati su Facebook: il primo rimedio è quello di cancellarsi da Facebook, scelta drastica che comunque è quella meno consigliata, sopratutto se il social network piace parecchio.

Una seconda opzione è quella di bloccare gli utenti che non si vogliono avere tra gli amici: basta infatti ricercare il nome di queste persona, cliccare sul loro profilo e sull’opzione blocca, che permette all’utente di non esser trovato da queste persone, e sopratutto di non comparire tra la lista degli amici in comune.

Ultima soluzione utile per la privacy è quella di impostare alcune persone tra i conoscenti, e condividere i propri post con la dicitura visibile solo agli amici: procedendo in questo modo, i conoscenti non vedranno le condivisioni che un utente decide di postare sul suo profilo.
Insomma, Facebook prova a ridurre la privacy ma, studiando per bene le varie funzioni del social network, sarà possibile alzare nuovamente il livello della privacy, in maniera tale che la situazione resti sempre sotto controllo.

 

Loading...

Vi consigliamo anche