0 Shares 7 Views
00:00:00
12 Dec

Roma, i vigili urbani e le multe con Twitter

LaRedazione
30 dicembre 2013
7 Views
vigili urbani multe con l'aiuto di twitter

Multe con l’ausilio di Twitter per i vigili urbani del Comune di Roma. Un’idea innovativa che potrebbe ben presto rivoluzionare il modo di lavorare degli ausiliari del traffico di tutta italia, e che rende bene l’idea di come i social network stiano apportando modifiche significative anche gli usi e costumi lavorativi del nostro paese.

La vicenda è stata segnalata dal quotidiano capitolino ‘Il Messaggero’, che ha messo in luce la novità evidenziata direttamente dall’account di Raffaele Clemente, ovvero dal capo della Polizia Municipale di Roma. Clemente ha sottolineato come solo nella giornata di sabato ventotto dicembre, con le vie della Capitale di nuovo intasate per shopping e passeggiate dopo la ‘tregua’ natalizia, i vigili urbani abbiano potuto effettuare ben trentaquattro contravvenzioni grazie alle segnalazioni dei cittadini in via Salaria, che hanno avvisato della presenza di mezzi, per la grande maggioranza furgoni deputati allo scarico di merci, in doppia fila che impedivano il transito, oppure la reimmissione nel traffico della automobili parcheggiate.

Tramite Twitter, all’account della Municipale romana sono state segnalate le situazioni più critiche, con gli agenti che sono stati inviati in loco ed hanno potuto comminare multe ai mezzi abbandonati in divieto di sosta. Un metodo che apre sicuramente nuovi orizzonti di efficienza, ma anche dubbi riguardo alla privacy dei privati cittadini.

Alle critiche mosse dalle organizzazioni sindacali riguardo questo tipo di metodo, Clemente ha ribattuto sottolineando come le segnalazioni sono state prese in considerazione a seconda della gravità segnalata e della zona, senza utilizzare foto di mezzi o numeri di targa, che potessero esporre il proprietario del mezzo del divieto di sosta agli occhi indiscreti degli utenti di Twitter.

Un metodo che andrà sicuramente affinato visto che in molti potrebbero utilizzare per la segnalazione dati sensibili che potrebbero causare problemi di diverso tipo, al di là della multa, a chi si ritroverà coinvolto nella segnalazione stessa. Tuttavia un plauso per l’iniziativa è arrivato direttamente dal Sindaco di Roma Ignazio Marino, che ha messo in evidenza come la collaborazione con i cittadini, grazie anche a Twitter, possa essere un’arma straordinaria, affinché il Comando della Polizia Municipale possa monitorare quelle situazioni spesso fonte di enorme disagio per i cittadini.

 

Vi consigliamo anche