0 Shares 18 Views
00:00:00
13 Dec

Social Network: Twitter è il nuovo telecomando digitale?

Michela Fiori
29 agosto 2013
18 Views

L’aumento dello share è direttamente proporzionale al numero dei tweet focalizzati su un determinato programma. Questa affermazione dal sapore matematico al limite del “criptico” emerge da uno studio che alza a livello scientifico un’attività molto diffusa tra gli utenti: commentare su Twitter i programmi tv in tempo reale e innescare conversazioni sul programma. Attività più o meno pilotata (spesso da agenzie di comunicazione specializzate) ma sicuramente divertente, che mette in evidenza la penetrazione pressoché globale dei social media nelle nostre attività quotidiane.

Lo studio, condotto da Nielsen in collaborazione con Social Guide, società specializzata in misurazioni e analisi di feedback televisivi in Rete, ha mostrato una diretta correlazione tra il numero di tweet e andamento dello share di alcuni programmi televisivi. La ricerca, battezzata Twitter Causation Study, è stata condotta negli Usa e si basa sulla metodologia di analisi dell’economista premio Nobel Clive Granger.

L’analisi ha messo sotto la lente le tendenze di tweet e interazioni, registrate nella loro progressione temporale rispetto a 221 trasmissioni, in particolare episodi di serie tv, programmate in prima serata. Dal report emerge che i generi tv che subiscono maggiormente l’influenza di tweet e hashtag sono quelli che suscitano un maggiore coinvolgimento emotivo: reality e sport, mentre lo share delle serie drammatiche sembrano seguire un andamento più autonomo.

“Esaminando le serie temporali – ha spiegato a Repubblica Paul Donato, Chief Research Officer di Nielsen – abbiamo rilevato una connessione statisticamente significativa che indica come un picco di ascolti televisivi fa aumentare il volume di tweet, e, viceversa, un apice di tweet corrisponde ad una crescita degli utenti di un programma. Questo approccio fornisce all’industria dei media una migliore comprensione dell’inter-scambio che avviene tra Twitter e le trasmissioni televisive”.

Vi consigliamo anche