0 Shares 21 Views
00:00:00
12 Dec

Cos’è il prediciottesimo? Alla scoperta del nuovo fenomeno trash [VIDEO]

21 maggio 2013
21 Views

Fino a qualche tempo fa, il massimo dell'ostentazione per una ragazza era farsi fare il "book" senza essere una modella. Si tratta, come certamente sapete, di una serie di ritratti realizzati in uno studio fotografico, con tanto di trucco e parrucco professionali. Ma l'evoluzione della specie ha le sue esigenze, si sa, e bisogna ammettere che quella della vanità e della megalomania non perde mai un colpo. Se poi la combiniamo con l'involuzione del numero di neuroni e di qualsiasi forma di senso critico nei ragazzi cui Maria De Filippi ha spappolato il cervello, i risultati sono davvero notevoli.

E' così accade che ragazzine che ricordano Miss Piggy dei Muppets e bambocci che non hanno ancora un filo di barba, decidano che il regalo perfetto per i propri diciotto anni è il "prediciottesimo": un video che, un po' come accade per i prematrimoniali in cui la coppia di sposi si fa riprendere nei propri momenti più diabetici pochi giorni prima del matrimonio, riprende il quasi diciottenne in questione, pochi giorni prima del suo compleanno.

L'idea, di per sé, è anche carina. Peccato per come viene interpretata e realizzata dai teenager italiani, che cercano disperatamente di omologarsi ad un modello di bellezza e a un'immagine che non ha nulla a che fare con loro, non li rappresenta e alla fine toglie loro la dignità. Pose da star mondiali, abbigliamento trendy, pacchiano e provocante, atteggiamento convinto da tronista; questi ragazzi si fanno riprendere mentre ballano, guidano un'auto inforcando gli occhiali da sole e si esibiscono in pose sexy che, immancabilmente, scadono nel ridicolo.

I fenomeni più inquietanti si sono registrati al centro-sud Italia, per quanto il nord non ne sia affatto immune.

E, per darvene un'idea, ecco una carrellata appositamente selezionata per voi dal marasma ormai incontrollato di YouTube.

Buona visione! (per modo di dire…)

Marina Ferro

Vi consigliamo anche