0 Shares 19 Views
00:00:00
15 Dec

Rocco Siffredi contro l’abbandono degli animali: ‘Se lo fate vi…’

Gianfranco Mingione - 18 luglio 2013
Gianfranco Mingione
18 luglio 2013
19 Views

Un fenomeno da contrastare. L’abbandono degli animali domestici è da sempre un tema molto sentito presso l’opinione pubblica. Secondo i dati della Doxa, quasi una famiglia su due ha con sé un animale domestico. Predominano i cani, 8.500.000, e a seguire i gatti, 6.800.000. Il dato che sconvolge è la fine a cui sono destinati gli animali abbandonati: “Più dell’80% degli animali abbandonati rischia di morire in incidenti, di stenti o a causa di maltrattamenti, mentre il 20% finisce in un rifugio per animali dove, specialmente se anziano o affetto da patologie importanti, concluderà la sua esistenza” (fonte: www.lav.it).

Il dramma degli abbandoni estivi. Il picco degli abbandoni avviene soprattutto nel periodo estivo (25-30%) e nel periodo seguente l’apertura della caccia (oltre il 30%). I cani che sopravvivono vengono poi trasferiti nei canili, che spesso sono strutture che non rispettano i requisiti basilari per poterli accogliere. Ogni anno c’è uno spot, una campagna, una comunicazione rivolta a chi sta per compiere il gesto atroce. Quella di quest’anno gioca con l’ironia di un personaggio che viene dal mondo del porno italiano.

Un monito a luci rosse! Rocco Siffredi, attore pornografico, oltre che regista e produttore a luci rosse, è un amante degli animali ed ha girato il suo spot contro il fenomeno del loro abbandono. Nello spot, l’attore è ripreso in un momento di gioco con i suoi cani, ma è nel finale, quando Rocco si rivolge alla camera, che arriva un duro avvertimento nei confronti di chi si appresta a lasciare per strada il proprio cane o il proprio gatto: Non abbandonate i vostri cani, sennò arrivo e vi…”. Speriamo che funzioni, altrimenti chissà quante chiamate d’urgenza potrebbe avere il pornoattore!

E’ importante ricordare che il nostro codice penale, all’articolo 727, punisce l’abbandono di animali con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda fino a 10mila euro. Se non amate il vostro amico a 4 zampe trovategli un padrone migliore!

[foto: musica.net1news.org]

Loading...

Vi consigliamo anche