0 Shares 21 Views
00:00:00
16 Dec

Web tendenze: royal baby fa dimenticare in fretta la morte di Antonelli

LaRedazione - 23 luglio 2013
LaRedazione
23 luglio 2013
21 Views

La morte del giovane pilota italiano ha rievocato nel popolo del web e dei social network in particolare, luogo principe della condivisione virale, la tragedia di Marco Simoncelli, linkato, condiviso, cliccato e pianto come pochi.

Nella tendenza al cordoglio 2.0 poco importa se il morto fosse un beniamino, conosciuto o uno sconosciuto qualsiasi: l’importante è manifestare il sentimento che deriva dalla morte di quest’ultimo a costo di fare gaffe per mancanza di conoscenze.
Così è stato per il giovane pilota italiano, meno famoso di Simoncelli finché era in vita ma commemorato anche per i ricordi che rievoca.

Ma si sa, l’attenzione del popolo virtuale è volubile e nemmeno 24 ore dopo arriva il piccolo erede di Buckingham Palace, il royal baby figlio di William e Kate.
Al bombardamento mediatico avevano già contribuito abbastanza i telegiornali italiani, Studio Aperto in particolare, accrescendo l’attesa e il senso di gioia comune per il nascituro: tanto è bastato, all’annuncio del parto della bella Kate a far dimenticare la tragedia del centauro Andrea Antonelli che, dopotutto, prima dell’evento molti non sapevano nemmeno chi fosse.

Un po’ per il senso di partecipazione instillato da mesi di servizi tv, un po’ per la volontà di rimpiazzare eventi tristi con più felici a costo di essere tremendamente kitsch e all’improvviso l’ultra-commemorato Antonelli è un morto come tanti altri e il rampollo di casa reale è al centro delle scene.
Tanto per monopolizzare un altro po’ l’attenzione, cosa che rientra dopotutto tra i talenti della famiglia reale, il nome del piccolo è ancora nel mistero e sarà rivelato ‘a tempo debito’: l’unica informazione certa che trapela è il sesso maschile del neonato, nonché il suo stato di buona salute.

Loading...

Vi consigliamo anche