0 Shares 9 Views
00:00:00
11 Dec

Zuckerberg: ‘Voglio un mondo sempre connesso!’

LaRedazione
23 agosto 2013
9 Views

Il sogno di Mark Zuckerberg? Un mondo sempre connesso. Questo è ciò che vuole il fondatore di uno dei più famosi, popolari e conosciuti social network del mondo, Facebook, che può essere considerato praticamente in maniera unanime la piattaforma che ha reso proprio il mondo dei social network di pubblica diffusione e dominio. Segno di una grande capacità di innovazione e di saper ‘vedere oltre’ che ha sempre contraddistinto la filosofia di mercato di Zuckerberg, che ora però sembra pronto ad imbarcarsi in un altro titanico progetto, che nel caso riuscisse, rappresenterebbe una vera e propria rivoluzione nel mondo della tecnologia, ed in generale in quello delle interazioni sociali.

Zuckerberg è infatti pronto a lanciare una campagna internet.org, che porta con sé un obiettivo ambiziosissimo, forse il più ambizioso del settore: quello di rendere disponibile una connessione alla rete per tutti i cittadini del mondo, includendo dunque anche quei cinque miliardi di persone nel pianeta che al momento non hanno accesso ad internet. Un’idea sicuramente al limite dell’utopia, ma il progetto Facebook ha già dimostrato come la visione d’insieme di Zuckerberg possa essere a dir poco universale.

Per la riuscita di internet.org, il fondatore di Facebook sta coinvolgendo altri colossi della tecnologia come Ericsson, Qualcomm, Opera e Nokia, tutti coloro cioè che tra produzione di hardware e software, hanno già fornito un contributo fondamentale per la diffusione di internet in tutto il mondo. Il progetto sembrerebbe poter avere fini meramente speculativi, ma in realtà Zuckerberg ha specificato come internet.org voglia coinvolgere i cinque miliardi di persone sprovviste di una connessione proprio per esercitare un diritto sociale, quello della partecipazione e della libera espressione delle proprie opinioni in rete, che ha stabilito un caposaldo dell’informazione libera negli ultimi anni.

D’altronde, ha sottolineato lo stesso Zuckerberg, il miliardo di persone che attualmente utilizzano internet sono quelle che possono vantare le maggiori disponibilità economiche, quella parte più ricca del mondo che già da sola è in grado di sostenere qualunque ambizione economica delle aziende che operano su internet. Al contrario, Zuckerberg vuole che internet.org diventi un progetto di globalizzazione dell’accesso alla rete, alla stregua di quanto accaduto in piccolo con Facebook che ha messo in connessione diretta persone appartenenti alle più disparate aree del mondo. Quello dell’accesso alla rete diventa dunque un diritto, e per renderlo tale Zuckerberg vuole coinvolgere le aziende sopra citate, e molte altre, per aumentare a livello planetario la diffusione di internet, e renderne possibile a tutti l’accesso.

Vi consigliamo anche