0 Shares 155 Views

Risparmiare energia elettrica in autunno, i segreti

LaRedazione - 27 settembre 2018
LaRedazione
27 settembre 2018
155 Views
Risparmiare energia elettrica in autunno

E’ tempo di conoscere i segreti per risparmiare energia elettrica in autunno. Infatti, a causa dell’aumento della bolletta di 24 euro durante il 2018, rispetto all’anno precedente, bisogna cercare di risparmiare.

Come risparmiare energia elettrica in autunno?

Esistono vari segreti per risparmiare energia elettrica in autunno. A svelarli sono gli esperti di Bolletta-Energia​.

E’ sempre importante apportare delle dovute modifiche, considerando che, secondo ARERA, una famiglia nel 2017 ha visto aumentare la propria spesa annua per l’energia elettrica di circa 24 euro/anno​. Seguendo i dati riportati da ARERA, il terzo trimestre del 2018 (luglio-agosto-settembre) ha registrato dei notevoli aumenti dei prezzi dell’energia elettrica con 20,22 centesimi di euro per kilowattora, tasse incluse, per cliente tipo. Una differenza con i primi due trimestri di circa 4 centesimi di euro per kilowattora​.

Considerati questi aumenti, l’unica soluzione per cercare di attutire tali spese è quella di stare attenti ai consumi quotidiani​. Il perchè è spiegato nel fatto che con l’autunno alle porte, le ore di luce naturale si riducono drasticamente​, provocando, come contraltare, un
aumento delle ore di luce artificiale e, quindi, dei consumi di energia elettrica.

I trucchi per risparmiare

Sostanzialmente sono due i trucchi da utilizzare per risparmiare energia elettrica in autunno.

Prima di tutto bisogna fare attenzione a tutto ciò che lasciamo accesso, se non utilizzato. Stiamo parlando della luce accessa in una stanza dove non si trova nessuno, ed anche delle spie luminose degli elettrodomestici. Senza dimenticare l’acquisto dei nuovi elettrodomestici in base alla classe energetica. Quindi non siate di “braccino corto” durante la scelta dei nuovi eletrodomestici. Ricordatevi che la classe energetica più alta è e più il consumo energetico sarà minore.

In secondo luogo, non meno importante, bisognerà fare una stima delle spese sostenuto e degli eventuali competitors. Cambiare fornitore, infatti, può permetterci di ottenere un grosso risparmio economico ed energetico. Prima di tutto considerate il piano tarrifario che state utilizzando, per poi passare a considerare le eventuali alternative.

[Foto: www.greenreport.it]

Loading...

Vi consigliamo anche