0 Condivisioni 470 Leggi tutti gli articoli

Previsioni Meteo fino a Natale

LaRedazione - 12 dicembre 2016
LaRedazione
12 dicembre 2016
470 Leggi tutti gli articoli
Previsioni Meteo fino a Natale

Il 2016 ormai è agli sgoccioli e nei vari siti meteorologici sono emerse le prime previsioni sulle condizioni atmosferiche che riguarderanno la nostra penisola. L’ultima ondata di freddo proveniente dalle correnti atlantiche, infatti, investirà gran parte dell’Europa Orientale e si scatenerà anche in Italia.

Una massa di aria polare che ha già colpito la Russia e che, nelle prossime ore, raggiungerà i nostri territori. Oltre al freddo queste correnti porteranno anche una grande varietà di nubi sparse che lambiranno le coste italiane. In Puglia e Molise sono attese dei rovesci di entità breve che non arrecheranno danni ai raccolti. Per quanto riguarda le zone tirreniche e della Valpadana, ci sarà un aumento delle nubi che favorirà fenomeni naturali come la nebbia.

Le piogge si concentreranno in gran parte della nostra bella penisola, ma l’Italia sarà colpita anche da un abbassamento delle temperature. Il calo termico si avvertirà soprattutto nelle regioni del Nord che, a partire dalla serata di lunedì 12 dicembre, registrerà un clima più in linea con il periodo stagionale e con l’arrivo dell’imminente inverno, mentre al Sud la situazione sarà leggermente più sostenuta.

Le previsioni meteo si sono spinte sino alle prossime settimane: l’aria gelida che dovrebbe alternarsi insieme alla bassa pressione. In queste condizioni le regioni della Val D’Aosta, ma anche in quelle situate agli estremi limiti settentrionali della penisola, potrebbe registrare le prime nevicate. Per quanto riguarda l’Appennino, la neve dovrebbe toccare i 1500 metri, per poi diminuire nel corso della giornata.

L‘Italia dunque affronterà un inverno freddo ma sopportabile, mentre le nazioni dell’Europa orientale saranno invase da venti polari che favoriranno l’arrivo di nevicate che, già nelle prossime ore, colpiranno parte della Bulgaria e la Romania. La Russia, invece, arriverà a registrare temperature più alte rispetto alla media, sfiorando i 30 gradi sotto zero con punte anche di 40, mentre nelle ore pomeridiane si potranno abbassare di poco. L’aria gelida, però, si consoliderà nella giornata di martedì 13 dicembre, quando sia la Russia che l’Ucraina dovranno far fronte a una perturbazione che porterà rovesci di neve e grandinate su tutto il territorio.

La situazione meteorologica, dunque, prevede l’arrivo di un inverno più rigido del solito e con temperature record, ma l’Italia potrebbe riuscire ad arginarle grazie a un anticiclone termico proveniente dalle coste africane in arrivo nei prossimi giorni. In questo modo le nostre regioni potranno alternare un clima freddo e a fasi alternate, con la possibilità di trascorrere un Natale con temperature più miti e confortevoli per tutti noi.

[Foto: Diario de Gastronomía]

Loading...

Vi consigliamo anche