0 Shares 305 Views

Rinvenuto in Australia il più antico messaggio in bottiglia

Emanuele Calderone - 7 marzo 2018
Emanuele Calderone
7 marzo 2018
305 Views
trovato il più antico messaggio in bottiglia

Hanno di certo un fascino tutto loro i messaggi che vengono inviati in bottiglia: trovarne qualcuno, scritto da uno sconosciuto di cui non sapremo mai nulla, è sempre qualcosa di emozionante.

Immaginatevi, dunque, come debbano essersi sentiti i componenti della famiglia Illman quando, sulle coste della loro Australia, hanno ritrovato un messaggio in bottiglia inviato dalla nave Paula e lasciato a vagare in mare per la bellezza di 132 anni. La lettera, infatti, venne stata scritta dal capitano della nave nell’ormai remoto 1886.

A confermare la veridicità dell’oggetto rinvenuto è stato il dottor Ross Anderson del Western Australian Museum: l’uomo ha dichiarato in un’intervista “Incredibilmente, una ricerca d’archivio in Germania ha trovato il Giornale di bordo originale della nave Paula, nel quale c’è una nota del 12 Giugno 1886 scritta dal capitano che registra il fatto che una bottiglia era stata gettata in mare, alla deriva. La data e le coordinate corrispondono esattamente a quelle sul messaggio della bottiglia”.

La famiglia Illman ha deciso di consegnare, per un tempo non superiore a due anni, la bottiglia e il suo contenuto al Western Australian Museum, in modo che chiunque voglia, possa leggere il messaggio inviato. Il signor Tim Illman, a seguito della scoperta, ha detto “Quando lo abbiamo srotolato ho visto un messaggio stampato che chiedeva al lettore di contattare il consolato tedesco”. L’uomo ha poi continuato affermando “L’ho preso pensando che sarebbe stato bene esposto a casa mia”.

[fonti articolo: rainews.it, independent.co.uk, leggo.it]

[foto: vvox.it]

Loading...

Vi consigliamo anche