0 Condivisioni 505 Leggi tutti gli articoli

Addio Condono Fiscale, il governo cambia

Alessandro Crupi - 16 novembre 2018
Alessandro Crupi
16 novembre 2018
505 Leggi tutti gli articoli
Condono fiscale

Niente più condono fiscale. Clamoroso cambio del Governo gialloverde sul Decreto Fiscale dopo le precedenti modifiche al provvedimento che avevano generato più di una discussione nella maggioranza.

Via al Condono Fiscale dal Decreto

È stata, infatti, ritirata la dichiarazione integrativa al Decreto che di fatto blocca il condono fiscale. Una scelta piuttosto inaspettata presa dopo una riunione di Governo.

Come si ricorderà, questo documento consentiva la dichiarazione di un importo fino al 30% superiore rispetto a quello già trasmesso al fisco. Inoltre era stata fissata una soglia massima 100mila euro di imponibile per anno d’imposta lungo un periodo di 5 anni.

Questa iniziativa aveva generato tante discussioni politiche anche con le opposizioni in merito al tema sempre scottante dell’evasione fiscale e, quindi, degli evasori.

Si trattava sostanzialmente di una sorta di sanatoria che permetteva di saldare Irpef, Irap, contibuti e ritenute né versati né dichiarati pagando solo una parte di quanto dovuto, ovvero il 20%.

Rinviato il carcere per gli evasori

Adesso il condono fiscale è sparito in quanto sembra che l’introito per le casse dello Stato non sarebbe stato considerevole. Piuttosto, da quando entrerà in vigore la legge, si potrà solo regolarizzare quello che è stato già dichiarato.

Confermate, invece, le altre sanatorie, tra cui quella sulla rottamazione-ter e sulle liti fiscali, oltre al saldo e stralcio sulle mini-cartelle. Oltre allo stop del condono è stato anche deciso di rinviare la misura relativa al carcere per gli evasori.

Su questo punto s’interverrà successivamente con un apposito disegno di legge. Prevista una tassa dell’1,5% sui money transfer e il rinnovo del bonus bebè.

[Foto: www.ilprimatonazionale.it]

Loading...

Vi consigliamo anche