0 Condivisioni 504 Leggi tutti gli articoli

Allarme Inps, sei milioni di pensionati in povertà

dgmag - 26 ottobre 2018
dgmag
26 ottobre 2018
504 Leggi tutti gli articoli
Allarme Inps

Allarme INPS: i pensionati sono sempre più poveri. I dati forniti dall’Istat rivelano un crollo delle pensioni erogate.

Allarme Inps, milioni di pensionati in povertà

I dati dei primi nove mesi del 2018 generano l’allarme INPS. Dal monitoraggio dei flussi pensionistici realizzato periodicamente emerge che nel periodo intercorrente tra gennaio e settembre del 2018 il numero delle nuove pensioni erogate è fermo a 349.621. Si tratta di oltre 100 mila in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il calo del numero è dovuto all’aumento dell’età pensionabile per le donne passato da da 65 anni e 7 mesi a 66 anni e 7 mesi. Un vertiginoso crollo vi è stato soprattutto nell’erogazone di assegni sociali che sono stati poco più di 13.000 a fronte 57.758 nel 2017, un crollo del 77% che sicuramente fa bene alle casse del’INPS.

L’età della pensione si discosta però dall’età media dei pensionamenti, infatti questa è di 63,9 anni in calo rispetto al 2017 quando era di 64,1. Questo dato è dovuto alla riduzione delle pensioni di vecchiaia mentre sono in aumento quelle legate ai requisiti contributivi. A crollare non è solo il numero dei nuovi pensionamenti, ma anche l’ammontare dell’assegno. Infatti, sono ben sei milioni i pensionati che hanno un assegno mensile inferiore a 1000 euro. Questi rappresentano il 37,5% dei pensionati italiani.

Leggi anche Pensioni Novità: le novità della Legge di Bilancio 2019

Dati allarmanti

Sviscerando i dati è possibile anche notare che le pensioni basse sono percepite soprattutto dalle donne, in particolare il 64% delle pensioni inferiori a 1000 euro vanno alle donne. Di queste il 45,9% ha un assegno inferiore a tale quota. Somma ritenuta necessaria per un tenore di vita adeguato.

Solo l’1,7% dei pensionati prende oltre 5000 euro lordi di pensione e di questi, anche se appare scontato, l’80,8% sono uomini. In totale si tratta di 266.180 assegni mensili. Questo è dovuto al fatto che le donne hanno maggiori difficoltà a raggiungere posizioni apicali al’interno del mondo del lavoro.

L’INPS ha reso noti anche i dati relativi al ReI, Reddito di Inclusione. In questo caso il principale allarme INPS arriva dal fatto che il 69% delle somme erogate sono percepite al Sud e queste somme coinvolgono il 72% del totale delle persone che ne beneficiano.  Inoltre il 49% dei nuclei familiari coinvolti sono concentrati in due regioni: Campania e Sicilia.

Loading...

Vi consigliamo anche