0 Shares 150 Views

Dimissioni online: la procedura da seguire

dgmag - 29 settembre 2018
dgmag
29 settembre 2018
150 Views
Dimissioni online

Nel caso in cui un dipendente decisa di lasciare il proprio posto di lavoro, può dare la sua comunicazione mediante dimissioni online.

Procedura dimissioni online

In qualunque settore, tranne per il lavoro domestico, bisogna comunicare online la recessione dal proprio lavoro e non più a mezzo cartaceo come si faceva un tempo. Per dare le proprie dimissioni non è importante specificare una causa ma rispettare le tempistiche giuste. Per avere diritto alla disoccupazione, però, le dimissioni devono essere motivate da giusta causa come il ritardo nel pagamento dello stipendio. Una volta date le dimissioni la rescissione del contratto prevede comunque che fino al termine il dipendente continui a lavorare e riceva regolarmente la retribuzioni.

Il Jobs Act ha stabilito che la procedura deve essere effettuata online sul portale dell’INPS nei servizi per il cittadino. Si tratta di una procedura semplice da effettuare e viene fatto per prevenire tutte quelle pratiche non regolari che fino ad oggi circolavano creando problemi al lavoratore.

Procedura da seguire

Per farlo è necessario avere il Pin dell’INPS è collegarsi al portale ClicLavoro. E’ possibile farlo autonomamente o con l’ausilio di un patronato, consulente del lavoro, sindacato che potrebbero però richiedere una somma per la prestazione. Per procedere autonomamente basta collegarsi al portale, accedere alla sezione Strumenti e Servizi e poi Dimissioni volontarie. Da qui si viene reindirizzati sul sito dell’INPS dove è richiesto il PIN dispositivo. Se avete il pin normale potete richiedere gratuitamente la conversione in pin dispositivo.

Nella sezione Dimissioni online è possibile proseguire per la compilazione, cliccare su Crea e inserire tutte le voci. Se il rapporto di lavoro è precedente l’anno 2008 basterà inserire solo la mail. In caso contrario bisognerà compilare tutte le sezioni ovvero codice fiscale del datore di lavoro, data delle dimissioni, pec del datore di lavoro ecc. Una volta inviate le dimissioni vengono confermate mediante un messaggio. Al termine è possibile stampare un documento in PDF che attesti l’avvenuta comunicazione di dimissioni. Se il datore di lavoro in qualche modo tenta di manomettere il modello, può ricevere una multa fino a 30 mila euro. La revoca delle dimissioni è consentita anche dopo aver receduto dal contratto di lavoro entro sette giorni dall’invio.

Serve aiuti?

Non preoccupatevi se avete dubbi sullo svolgimento della procedura delle dimissioni online. Oppure se avete paura di sbagliare nella compilazione dei campi può fare riferimento ad uno specialista del settore. Basterà recandosi presso un CAF e portando tutti i documenti relativi alla propria persona e i dati del proprio datore di lavoro.

 

Loading...

Vi consigliamo anche