0 Condivisioni 577 Leggi tutti gli articoli

Ecobonus e sismabonus: le novità

dgmag - 11 novembre 2018
dgmag
11 novembre 2018
577 Leggi tutti gli articoli
Ecobonus e sismabonus: le cose da sapere

Ecco quali saranno le novità su ecobonussismabonus. Occorre essere ben informati su entrambi per avere al meglio accesso alle varie agevolazioni. Il tutto nel rispetto dell’ambiente e delle norme antisismiche.

Ecobonus e sismabonus: le novità

Importanti novità in merito a ecobonus e sismabonus. Con una circolare del 2018 n°17 l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che l’importo relativo alla detrazione può essere ceduto anche a terzi che non non hanno eseguito direttamente i lavori. E la detrazione relativa alla riqualificazione possono essere oggetto di cessione al subappaltatore. In questo momento la detrazione fiscale riguarda il 50 e il 65% sull’importo speso per gli interventi di efficienza energetica delle unità immobiliari. Sulle parti in comune si ha invece un bonus pari all’80% fino al 31 dicembre del 2021.

Con la Legge di Bilancio 2018 l’ecobonus è stato ridimensionato. E tutti gli incentivi sono stati abbassati fino al 50%. Comprende tutti i lavori su schermature solari, finestre ed infissi, sostituzione di impianti di climatizzazione e impianti di caldaie a biomasse o a condensazione. Nella legge di stabilità del 2019 rientra anche il bonus casa che prevede una detrazione del 50% sull’acquisto di mobili ed elettrodomestici con classe energetica A+. Tranne per il forno che è sufficiente una classe A.

Il sismabonus

Per quanto riguarda il sismabonus la detrazione può raggiungere il 70% se con l’intervento si ha un passaggio ad una classe di rischio inferiore. 80% se si tratta di due classi. Con il sismabonus possono essere detratte al 100% le spese per la diagnosi sismica di un’unità immobiliare. Le diagnosi è detraibile se vengono iniziati contestualmente i lavori per la messa in adeguamento o del miglioramento sismico. Tale bonus può essere ceduto ad intermediari. Tali detrazioni sono state inserite per favorire la costruzione di edifici a basso rischio sismico ed evitare le tragedie che si sono verificate negli ultimi anni in Italia.

Il sismabonus può riguardare fino alla seconda casa e a tutte le attività commerciali, compresi i condomini. Nel 2019 è previsto anche un bonus caldaia per coloro che installano un impianto di classe A con il 50% delle detrazioni. In caso di installazione di una caldaia di classe B la detrazione è pari a 0. In questo modo si cerca di sostituire le vecchie caldaie con impianti molto più innovativi. Consumano meno e non inquinano, per cercare di ovviare al dannoso problema dell’inquinamento ambientale, soprattutto nelle grandi città. Cer i condomini ci sono ulteriori agevolazioni, molto più convenienti ed allettanti per la messa in sicurezza degli edifici e per la rivalutazione energetica.

Loading...

Vi consigliamo anche