0 Shares 233 Views

Flat Tax: come funziona e cosa è

dgmag - 25 agosto 2018
dgmag
25 agosto 2018
233 Views
Flat Tax

Promossa dalla Lega ma bocciata dall’Opposizione: la Flat Tax continua a far discutere. L’avvento al Governo del Movimento Cinque Stelle potrebbe fare il resto.

Flat Tax: come funziona e cosa è

E’ diventata il seme della discordia la famigerata Flat Tax che, da alcune settimane, sta tenendo banco in Parlamento. E il nuovo Governo, formato da Lega e Movimento Cinque Stelle, vuole vararla entro l’inizio del 2019. Il tutto nonostante lo scetticismo del Partito Democratico.

Ma che cos’è la Flat Tax? E’ un sistema fiscale alternativo a quello utilizzato negli ultimi anni in Italia. Si tratta di un’imposta sui redditi basata su un’aliquota fissa, che la Lega intende portare al 15%. Andrebbe a interessare sia i contribuenti sia le società private. Se prima le tasse si calcolavano in modo progressivo e in base alla crescita del reddito, adesso si potrà usare un sistema di tipo proporzionale.

Ma come funziona? Facciamo un esempio concreto: una famiglia con reddito annuo pari a 37.000 euro lordi e con due figli a carico avrà una riduzione di 9.000 euro, che andrà poi moltiplicata per il 15% di aliquote fissa. In questo caso si otterrà una cifra di 4.200 euro, che diventa quindi l’imposta dovuta allo Stato.

Vantaggi e detrattori

Il vantaggio di applicare un sistema che prevede la Flat Tax consente di ridurre la pressione fiscale non soltanto alle famiglie di contribuenti ma anche alle aziende private. Inoltre, si potranno semplificare in modo netto le detrazioni e combattere gli evasori.

Per i detrattori della Flat Tax, però, ci sarebbero degli svantaggi da tenere in seria considerazione. Uno su tutti, quello di diminuire le entrate dello Stato, oltre ad avvantaggiare le classi più ricche, che pagherebbero meno tasse, rendendo il provvedimento anticostituzionale.

La Flat Tax divide non solo in Italia, ma anche nel resto del mondo dove è stata già applicata, non sempre con successo. Per la Lega la soglia minima del 15% di aliquota fissa è un punto imprescindibile da cui iniziare. Per Forza Italia e Silvio Berlusconi, invece, si dovrebbe partire dal 23% e diminuirla in modo progressivo e nel corso degli anni.

Scontro politico

Naturalmente tra Maggioranza e Opposizione c’è in atto uno scontro sulla reale efficacia di questo provvedimento fiscale, che andrà approvato entro il prossimo autunno, a ridosso della nuova Legge di Bilancio. Nel 2019 essa interesserà prima le aziende con partita IVA ma diventerà operativa per le famiglie l’anno successivo.

La Flat Tax, insomma, è divenuto uno degli argomenti caldi di quest’ultima stagione politica. Con, da un lato, una Lega ancora in cerca di consensi e che punta sul concetto di meno tasse per tutti per ottenere l’interesse degli italiani. Mentre, dall’altro, c’è un’Opposizione che, al momento, non ha presentato ancora nessuna alternativa valida a quanto proposto dal Governo.

[Foto: www.accountingweb.com]

Loading...

Vi consigliamo anche