0 Shares 219 Views
00:00:00
14 Aug

Germania: scoppia il caso “cavie umane”

Emanuele Calderone - 30 gennaio 2018
Emanuele Calderone
30 gennaio 2018
219 Views
Volkswagen testa gas di scarico su cavie umane

Una vera e propria tegola è caduta sulla testa delle dirigenze di BMW, Volkswagen e Dailmer: sembra infatti che i 3 colossi dei motori abbiano testato la tossicità dei gas di scarico delle loro vetture su cavie umane.

Le tre aziende, dopo la fondazione della Società di Ricerca europea per l’Ambiente e la Salute nei Trasporti, avrebbero condotto alcuni esperimenti riguardanti la tossicità dei gas di scarico su un gruppo di 25 persone.

I 25 scelti erano tutti cittadini statunitensi, che sono stati sottoposti all’inalazione di diossido di azoto per circa tre ore al giorno, per un mese.

La notizia-scandalo è inevitabilmente giunta anche alle orecchie della cancelliera Angela Merkel, che ha tuonato “Le industrie dell’auto avrebbero dovuto pensare a limitare le emissioni, non a dimostrarne la presunta innocuità. Ora i consigli di amministrazione e chi ha commissionato i test dovranno rispondere alle difficili domande su quale fosse lo scopo dei test”.

Merkel non è stata la sola a dirsi indignata per quanto accaduto: le ha fatto eco anche Stephan Weil, presidente della Bassa Sassonia, che ha dichiarato “non trovo nessuna giustificazione accettabile per procedure del genere”.

A rendere il tutto ancor più grottesco, i test effettuati anche sugli animali: sembra infatti che tra le varie cavie sulle quali si sarebbero sperimentati i gas di scarico, ci sarebbero anche delle scimmie.

Per ora la Volkswagen si è limitata a dichiarare che tali test non sono accettabili e che chi “ha sbagliato pagherà”, ma siamo certi che questa storia non finirà qui, anzi.

[fonti articolo: tgcom24.mediaset.com, lastampa.it, ilpost.it]

[foto: lastampa.it]

Loading...

Vi consigliamo anche