0 Condivisioni 424 Leggi tutti gli articoli

Forfettario 2019: cosa cambia?

Emanuele Calderone - 11 gennaio 2019
Emanuele Calderone
11 gennaio 2019
424 Leggi tutti gli articoli
forfettario 2019 ecco come cambia tutto quello che c'è da sapere

Con la nuova legge di bilancio introdotta dal governo Conte, chiunque non superi i 65 mila euro annui potrà aderire al regime forfettario.

Forfettario 2019: ecco come funziona

La nuova legge di bilancio firmata dal governo Conte ha introdotto, tra le tante novità, il forfettario 2019. Grazie alla flat tax, professionisti e imprese che fatturano massimo 65 mila euro annui potranno richiedere di aderire al regime forfettario. Questa novità dovrebbe favorire le piccole imprese e i lavoratori a partita IVA. Chi aderirà avrà una tassazione separata pari al 15%, che sostituirà, tra l’altro, voci quali Irpes, Irap ed esonero dell’iva. Il governo aveva inizialmente previsto che potesse goderne anche chi fatturava fino a 100 mila euro, ma ciò non avverrà per ora.

Ci sono differenti limiti di fatturazione?

I limiti di fatturazione previsti fino al 31 Dicembre 2018, naturalmente, svaniranno. Essi prevedevano che chiunque avesse un’attività di commercio, al dettaglio o all’ingrosso, non dovesse dichiarare più di 50 mila euro annui; per la vendita di prodotti alimentari non si potevano superare i 40 mila euro annui. Ancora meno, 30 mila €, è quanto potevano dichiarare gli ambulanti di prodotti non alimentari. Sempre non oltre i 30 mila si dovevano attestare attività professionali, tecniche, sanitarie e simili. Più in basso, con un tetto massimo di 25 mila euro, le attività immobiliari e di costruzioni e gli intermediari del commercio. Ciò è stato definitivamente cancellato e portato a 65 mila euro.

Altre informazioni utili

Non sarà necessario presentare alcuna domanda per aderire. E’ obbligatorio, però, farne richiesta non appena si apre la partita IVA. Fin quando non si superano i limiti, il regime forfettario ha durata illimitata. Si potranno assumere collaboratori, a patto che il loro costo annuo non superi i 5 mila euro. Gli aderenti, inoltre, non saranno tenuti a presentare la fattura elettronica.

[foto: giornalepartiteiva.it]

Loading...

Vi consigliamo anche