0 Shares 462 Views

Maturità 2018: scelte le tracce

LaRedazione - 4 maggio 2018
LaRedazione
4 maggio 2018
462 Views
Maturità 2018

La Maturità 2018 ormai entra nella fase “calda”. Infatti, sono state rese note le prime ed importanti novità su questo appuntamento molto importante nell’ambito della scuola.

Maturità 2018: i numeri

509.307 è il numero delle studentesse e gli studenti iscritti all’Esame. Un numero interessante che naturalmente potrebbe diminuire in seguito agli scrutini finali. Dei circa 500 mila iscritti, 492.698 sono i candidati interni. 25.606 sono le classi coinvolte nell’Esame, 12.865 sono le commissioni.

La Maturità come sempre rappresenta un traguardo importante. Ed è anche un momento di passaggio tra fasi differenti della vita. Ogni anno arriva questo spartiacque per i tanti giovani, la maggior parte maggiorenni, che terminano questo percorso di studi. Sale, quindi, la trepidazione.

Scelte le tracce

La Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, ha infatti firmato l’annuale Ordinanza che contiene tutte le indicazioni operative per i consigli di classe, le commissioni, le candidate e i candidati e la sintesi del calendario degli Esami.

Sono state scelte anche le tracce per la Maturità 2018. La scelta è stata effettuata dalla Ministra Fedeli, insieme al responsabile della struttura tecnica degli Esami di Stato, Ettore Acerra. Sono state infatti scelte le tracce per la prima e le seconde prove. Saranno rivelate di consueto il giorno degli scritti.

Le prove sono state elaborate tenendo conto dei nuclei tematici fondamentali delle diverse discipline. Ed anche in correlazione con tematiche fondamentali per la crescita educativa e civile dei giovani

 

 Vogliamo accompagnare le studentesse e gli studenti in questo percorso. L’Ordinanza contiene importanti indicazioni sulle modalità di svolgimento dell’Esame, rivolte sia alle scuole che alle candidate e ai candidati. Nelle prossime settimane porteremo avanti anche la campagna di comunicazione dedicata agli Esami che accompagnerà maturande e maturandi fino alla fine delle prove. L’abbiamo voluta, in continuità con lo scorso anno, perché crediamo che il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca debba parlare sempre di più e sempre più in modo diretto con studentesse e studenti. E che debba essere al fianco delle nuove generazioni nei momenti più importanti del loro percorso formativo, sostenendole e incoraggiandole. Auguro buon lavoro alle ragazze e ai ragazzi che affronteranno la Maturità quest’anno: siamo certi farete del vostro meglio. E ringrazio le docenti e i docenti per il lavoro che stanno facendo per prepararli agli Esami”.

[Foto: www.scuolainforma.it]

Loading...

Vi consigliamo anche