0 Condivisioni 492 Leggi tutti gli articoli

Modello DA-2018: cosa è?

dgmag - 14 novembre 2018
dgmag
14 novembre 2018
492 Leggi tutti gli articoli
modello DA-2018 da compilare

Il modello DA-2018 riguarda la Definizione Agevolata 2018. Si tratta della rottamazione-ter affidata all’Agente della riscossione per il periodo 2000/2017.

Modello DA-2018: di cosa si tratta?

Il nuovo decreto legge 119/2018 ha stabilito la definizione agevolata dei carichi affidati all’Agente di riscossione. Questo vuol dire la possibilità di rateizzare quanto dovuto in massimo cinque anni senza alcuna sanzione. Mentre per ciò che concerne il pagamento delle multe stradali non si dovrà pagare alcun supplemento o maggiorazione prevista in precedenza dalla legge.

Nel beneficio non rientrano però tutte le tipologie di carichi. Infatti, sono esclusi:

  • aiuti di stato illegittimi
  • multe relative a provvedimenti penali
  • crediti derivanti da condanne
  • sanzioni diverse da tributi strettamente inerenti i contributi.

Il decreto in sostanza offre la possibilità di saldare quanto dovuto attraverso dieci rate in cinque anni con un tasso di interesse pari al 2% annuo.

Come si aderisce? Bisogna presentare la domanda entro il 30 aprile 2019. E’ possibile usufruire di tutti e cinque gli anni oppure anche di un rateizzo minore. I soggetti che possono farne richiesta sono coloro che hanno carichi con data dal 1 gennaio 2000 al 31 dicembre 2017 e anche coloro che avevano già aderito alle precedenti rottamazioni. Per fare richiesta è opportuno presentare il modello DA-2018 alla casella pec della Direzione Regionale dell’Agenzia delle Entrate con tutte le parti compilate e allegando una fotocopia del documento di riconoscimento. La domanda deve essere inviata tramite posta certificata. Chi non avesse la pec può consegnare il modulo compilato e il documento presso gli sportelli riscossione presenti sul territorio.

Cosa succede dopo aver presentato la domanda?

La legge prevede che l’Agenzia delle Entrate invii una comunicazione spiegando al contribuente se la domanda è stata accolta o meno e perché. In caso di accoglimento della stessa questa presenterà anche l’ammontare di quanto dovuto e la suddivisione. La rateizzazione comunque si può chiedere una volta soltanto per quell’anno.

Tutte le procedure esecutive già avviate saranno interrotte. Non verranno avviate nuove procedure esecutive, ma resteranno valide invece ipoteche e fermi amministrativi. Saranno sospesi in occasione della presentazione della domanda i termini di prescrizione e i precedenti già rateizzati che faranno carico direttamente nella nuova rateizzazione. Si tratta di una procedura agevolata che consente di farne richiesta a tutti i cittadini. Si deve compilare il modello DA-2018 scaricabile comodamente online e un documento di riconoscimento valido.

Loading...

Vi consigliamo anche