0 Shares 341 Views

Morto Eugenio Aringhieri: lutto nella farmaceutica

La Redazione - 2 maggio 2018
La Redazione
2 maggio 2018
341 Views
Eugenio Aringhieri

Muore per un malore Eugenio Aringhieri, presidente del gruppo Biotecnologie di Farmindustria.

Eugenio Aringhieri è venuto a mancare

Muore a Boston Eugenio Aringhieri, a soli 58 anni. Ricopriva la carica di amministratore delegato di Dompè. A darne la scomparsa proprio l’azienda che ne ha annunciato la morte prematura durante la mattina del 2 maggio. Tutto il personale commosso si è stretto attorno alla famiglia.

Lavorava per il colosso farmaceutico da oltre un decennio e da poco era stato riconfermato, per il quarto mandato consecutivo, alla guida del gruppo Biotecnologie di Farmindustria. La sua carriera era iniziata già con una multinazionale, la Janssen, fino all’incontro con Sergio Dompè, iniziando un percorso sia umano che professionale, nella famosa azienda italiana che è nata nel 1853 come una piccola bottega di spezie a Milano, in Piazza della Scala.

Importanza Eugenio Aringhieri

Eugenio Aringhieri era molto apprezzato sia nella azienda in cui prestava lavoro che nel campo farmaceutico, tanto che aveva realizzato importanti Joint ventures con partner di grandi prestigio come Amgen e Biogen. Tra i risultati più famosi della sua carriera un posto d’onore è dato all’acquisizione di Anabasis con cui la Dompè ha realizzato un grosso progetto nel campo delle malattie dell’occhio, soprattutto quelle rare. Recentemente, nel 2016 aveva contribuito anche per l’acquisizione dell’azienda Bracco. Lo stesso anno aveva anche vinto il premio come miglior professionista in ambito europeo nel campo delle biotecnologie. Tra le varie cariche ricopriva anche quelle di membro dei consigli di Amministrazione di varie società farmaceutiche come e-Novia, Philogen, AAA. Collaborava inoltre con Cluster Alisei.

Il ricordo di Dompè

E’ Sergio Dompè a parlare di Eugenio Aringhieri. Lo ricorda come un uomo molto in gamba in tutti i campi: un padre presente, un marito amorevole e un grande professionista dalle vedute vincenti. Ha dichiarato inoltre di voler continuare la strada intrapresa con Aringhieri per portare avanti i suoi progetti e non rendere vani i suoi lavori.

La morte è avvenuta questa mattina a Boston. Eugenio Aringhieri lascia la moglie, due figli e una piccola nipotina al quale era molto legato. Tra le cause del decesso vi è sicuramente un malore che venerdì lo avrebbe portato ad un ricovero e poi ad un’operazione che era perfettamente riuscita. Nella serata di sabato le sue condizioni si sono aggravate fino a condurlo alla morte. Non sono stati ancora comunicati il giorno e il luogo dove avverrà il funerale.

[Foto: www.eycapri.it]

Loading...

Vi consigliamo anche