0 Condivisioni 561 Leggi tutti gli articoli

Nuovo codice della strada: le novità

Alessandro Crupi - 10 dicembre 2018
Alessandro Crupi
10 dicembre 2018
561 Leggi tutti gli articoli
Nuovo Codice della strada

Il Codice della strada si rinnova con una serie di novità introdotte dal Decreto Sicurezza, divenuto legge lo scorso primo dicembre.

Tante le modifiche al codice della strada

La prima importante modifica al Codice della strada riguarda l’articolo 93 che, adesso, proibisce a chi è residente in Italia da più di 60 giorni di circolare con un qualsiasi mezzo immatricolato in uno Stato estero condotto sia da cittadini italiani che stranieri.

Con la nuova variazione i trasgressori saranno puniti con una sanzione amministrativa che può partire da un minimo di 712 euro fino ad un importo massimo di 2.848 euro. Unitamente a questo provvedimento, il libretto di circolazione del veicolo verrà trasmesso alla motorizzazione civile competente per farne cessare immediatamente la circolazione.

Inoltre trascorsi sei mesi dalla violazione, lo stesso mezzo verrà confiscato a meno che non venga richiesto il foglio di via o si effettui l’immatricolazione. La norma non si applica per leasing, locazioni o comodati d’uso concessi da un’impresa europea a residenti italiani non avente una seconda sede in Italia.

Giro di vite sui parcheggiatori abusivi

Nel nuovo Codice della strada sotto la lente d’ingrandimento ci sono i parcheggiatori abusivi.

La sanzione amministrativa è adesso compresa nella forbice 771-3.101 euro ma se il soggetto utilizza minori o è recidivo nonostante una precedente sanzione il suo si configura come un reato e non più un illecito amministrativo, con la detenzione da 6 mesi ad un anno.

Per quanto riguarda il sequestro dei veicoli se il proprietario o il conducente si rifiutano di portarli in un luogo privo di passaggio pubblico se ne occuperà la Polizia ma dovranno pagare una multa da 1.818 a 7.276 euro.

Stessa cosa per il fermo ma in caso di inosservanza, in questo caso la multa sarà compresa tra 776 e 3.111 euro (e la sospensione della patente da 1 a 3 mesi come per il sequestro). La guida di un mezzo sotto sequestro determina la revoca della patente e una multa da 1.988 a 7.953 euro.

Le multe anche via pec nel nuovo codice della strada

Le multe, dall’entrata in vigore del nuovo Codice della strada, potranno arrivare via pec a chi ne possiede un indirizzo. Inoltre scatta l’obbligo per la polizia stradale di intimare l’Alt a chi è in eccesso di velocità in un tratto di strada rettilineo.

Nel caso in cui ciò non avvenga dovrà darne motivazione. Secondo il nuovo Codice integrato da una sentenza della Corte di Cassazione, inoltre, l’infrazione omessa non è abuso d’ufficio. In merito all’alcol-test, quando esso viene effettuato sulla persona assieme ad altri esami del sangue non c’è l’obbligo di comunicare al soggetto l’opportunità di assistenza legale, che invece sussiste nel caso in cui il test viene richiesto dalla polizia giudiziaria.

Novità, infine, anche per quanto riguarda la classe di merito tra cui l’assegnazione della CU anche per gli anni coperti da contratti stipulati con formula tariffaria “a franchigia” e “a tariffa fissa” e l’estensione a tutti tipi di polizze temporanee della disciplina prevista per le stesse polizze “a franchigia” e “a tariffa fissa”.

[Foto: www.auto-rally.it.it]

Loading...

Vi consigliamo anche