0 Shares 164 Views

Pensioni quota 100 vale 7 miliardi

Alessandro Crupi - 5 ottobre 2018
Alessandro Crupi
5 ottobre 2018
164 Views
pensioni

All’interno della iperdiscussa Manovra Finanziaria del Governo Lega-Cinque Stelle in queste ore c’è anche il tema, da sempre incandescente, dell’aspetto pensionistico.

Pensioni tema incandescente

E, come era prevedibile, nelle polemiche che si stanno dispiegando s’innesta la guerra dei numeri anche per il previsto sistema delle pensioni a quota 100, ovvero con 62 anni di età e 38 di contributi.

Oggetti del contendere sono il valore e la data di partenza di questa misura con i contrasti che si stanno manifestando proprio all’interno delle due forze che governano il Paese. Quanto vale la riforma della legge Fornero? 5, 5,2 o 7?

A fare ordine ci ha provato il viceministro dell’Economia Massimo Garavaglia, che ha affermato con convinzione: “La quota 100 per le pensioni partirà al massimo entro il mese di febbraio, anche se faremo di tutto per renderla operativa già dal 1 gennaio 2019, e che prevede una spesa di 7 miliardi di euro per il prossimo anno (fonte www.quotidiano.net)”.

Sette miliardi per riformare la legge Fornero. Basteranno?

Un’affermazione per dipanare il balletto dei numeri attualmente in corso sulle pensioni e che, secondo alcune fonti del M5S, prevede invece un ammontare complessivo pari a 5,2 miliardi di euro nel 2019, per poi salire a 7 nei due anni successivi.

Previsione, quest’ultima, che è stata bollata come una semplice simulazione da parte della Lega, sostenitrice dei 7 miliardi, in seguito confermati anche da Luigi Di Maio.

Posizione che testimonia il contenuto di un comunicato ufficiale a firma Lega-Cinque Stelle in cui si afferma anche che saranno utilizzati 20 miliardi di euro nella legge di bilancio per attuare gli elementi principali del contratto di Governo.

Dieci miliardi per il reddito di cittadinanza

Ai 7 miliardi per le pensioni se ne dovrebbero aggiungere 10 destinati al reddito di cittadinanza, tanto caro al M5S. Il resto (circa 3 miliardi) se lo divideranno flat-tax e anche l’assunzione straordinaria delle forze dell’ordine.

Il recupero dei complessivi 20 miliardi dovrà avvenire usufruendo del rapporto deficit/Pil, tema che sta tenendo banco sia a livello nazionale che nell’ambito dell’Ue.

Ma, sulle pensioni, le certezze non sono ancora definite e resta sempre il principale nodo da sciogliere: saranno sufficienti 7 miliardi per riformare la legge Fornero?

[Immagine: www.guidafisco.it]

Loading...

Vi consigliamo anche