0 Condivisioni 563 Leggi tutti gli articoli

Prestito vitalizio ipotecario: cose da sapere

dgmag - 15 settembre 2018
dgmag
15 settembre 2018
563 Leggi tutti gli articoli
Prestito vitalizio ipotecario

Il prestito vitalizio ipotecario è un finanziamento rivolto a tutti i proprietari di immobili che abbiano più di sessanta anni di età. E richiede delle garanzie sui propri possedimenti.

Prestito vitalizio ipotecario: cose da sapere

Il prestito vitalizio ipotecario è un prestito facile da richiedere e non finalizzato ovvero chi riceve la somma può usarla come vuole senza vincoli. Un finanziamento utile per molte persone che normalmente non potrebbero avervi accesso. Ma che, avendo un immobile, possono sfruttare la questione dell’ipoteca per averlo.

Qualora un soggetto intenda sottoscriverlo e risieda con un’altra persona nell’abitazione (convivente di fatto, unito civilmente o sposato) dovrà essere redatto da entrambi. Il tutto anche se l’immobile è di proprietà di una sola persona (uno dei due contraenti deve aver compiuto sessant’anni).

Il rimborso del prestito può avvenire senza capitalizzazione. Il che significa che la persona che ha beneficiato del finanziamento rimborsa la somma in forma di rate. Mentre quello con capitalizzazione è un prestito che prevede alla scadenza il rimborso dell’importo ricevuto e tutti gli interessi entro un anno di tempo. Qualora la persona che ha contratto il debito muoia prima gli eredi potranno decidere se estinguere il debito o permettere alla banca di vendere l’immobile.

Come avviene?

All’atto della richiesta l’istituto bancario vaglierà la possibilità di far fronte al finanziamento. Molto dipende anche dal valore dell’immobile su cui si vuole mettere l’ipoteca. In generale conviene affidarsi a questo investimento solo per prestiti superiori ai 30 mila euro. Altrimenti un normale prestito personale è più che adeguato (e più veloce).

Anche per il prestito vitalizio ipotecario ci sono tassi fissi o variabili da scegliere. La banca può chiedere il rimborso integrale in una sola soluzione anche quando al verificarsi di determinate condizioni. In particolare quando viene trasferita la proprietà dell’immobile, vi siano altri impegni a gravare sul bene o appunto, come anticipato, alla morte del soggetto contraente.

Se entro i 12 mesi stabiliti dalla legge non viene rimborsato l’importo il prezzo della casa sarà ridotto di anno in anno del 15% finché l’immobile non sarà effettivamente venduto. Se, anche in questo caso, dopo la vendita l’incasso non andrà a coprire tutte le spese bancarie, l’istituto potrà comunque rivalersi sugli eredi del bene.

Prestito facile da ottenere?

Non è difficile ottenere il prestito vitalizio ipotecario poiché si fornisce un bene importante come garanzia. Per prima cosa quindi bisogna avere un immobile utile.

La banca in media erogherà il 50% del valore della casa. Più anziano è il contraente più la percentuale si alza. Diversa la situazione per quanto riguarda giovani ai limiti dei valori della richiesta. In tal caso, la somma potrebbe essere limitata al 10/15% del valore dell’immobile.

[Foto: www.casenelverde.eu]

Loading...

Vi consigliamo anche