0 Condivisioni 449 Leggi tutti gli articoli

Porto d’armi uso sportivo: come si prende?

Alessandro Crupi - 14 marzo 2019
Alessandro Crupi
14 marzo 2019
449 Leggi tutti gli articoli
Porto-d'armi-uso-sportivo

Con il porto d’armi per uso sportivo è possibile detenere e utilizzare armi comuni e sportive corte e lunghe per il tiro a segno. Per ottenerlo bisogna essere maggiorenni.

La procedura per il porto d’armi uso sportivo

La procedura per il rilascio della licenza del porto d’armi per uso sportivo ha inizio con il proprio medico curante per farsi consegnare un certificato medico anamnestico che attesti l’idoneità fisica e mentale, oltre a comprovare il mancato uso di sostanze stupefacenti o di alcool.

Lo stesso certificato dev’essere successivamente esibito ad un ufficiale sanitario dell’Asl, che effettuerà un’ulteriore visita, al termine della quale rilascerà il certificato sanitario.

Questo documento è necessario per avere il porto d’armi per uso sportivo, dopo aver superato le relative prove d’esame previste, che valuteranno la capacità di usare un’arma in totale sicurezza.

Al termine dei test verrà conferito il Diploma di idoneità al maneggio delle armi.

Le prove teoriche e pratiche

Tuttavia se chi è interessato alla licenza del porto d’armi per uso sportivo ha svolto il servizio militare di leva non deve svolgere l’esame bensì esibire il foglio di congedo che non superi i dieci anni.

Se, invece, è necessario svolgere le prove di esame teorico e pratico, queste si potranno eseguire in un campo da tiro o in un tiro a segno iscritto all’Unione Italiana Tiro a Segno (Uits) oppure ad un campo da tiro o tiro a segno affiliato al Comitato Olimpico Nazionale Italiano (Coni).

Come anticipato le prove saranno sia teoriche che pratiche. Sul primo punto sarà importante conoscere:

  • le norme di comportamento relative al maneggio di un’arma;
  • la sua struttura;
  • montaggio e rimontaggio;
  • comprensione delle linee di mira;
  • nozioni base sulle cartucce;
  • la corretta postura, impugnatura e i movimenti del puntamento.

Per la parte pratica, invece, l’istruttore del poligono di tiro farà sparare al candidato serie di prova per verificare la corretta posizione nel tiro.

Una volta superata anche questo esame verrà rilasciato all’interessato ildiploma di idoneità al maneggio delle armi.

Documenti e costi del porto d’armi uso sportivo

Questo certificato, assieme al Certificato Anamnestico e al Certificato Medico Sanitario, si dovrà presentare alla Polizia di Stato o ai Carabinieri che a loro volta invieranno il tutto alla Questura competente, che esaminerà tutta la documentazione in suo possesso.

A controllo effettuato ci si potrà recare in Questura per compilare i moduli per la richiesta del porto d’armi uso sportivo e procedere al pagamento per le spese burocratiche. Importante presentarsi con i seguenti documenti:

  • Due marche da bollo da 16 euro;
  • Il certificato medico anamnestico e la certificazione per l’idoneità psico-fisica dell’ASL con marca da bollo da 16 euro;
  • La ricevuta di versamento di euro 1,27 per il costo del libretto a beneficio dell’Ufficio di Tesoreria di Stato della zona in cui vive l’interessato;
  • Due fototessera recenti di cui una autentica;
  • Diploma di idoneità al maneggio delle armi;
  • Dichiarazione sostitutiva in cui è specificata la residenza e lo stato di famiglia.

Il costo globale del porto d’armi per uso sportivo si aggira sui 300-350 euro. Solitamente il tempo di attesa per il rilascio di questa tipologia di porto d’armi è di circa due mesi.

(Foto: www.pugliapress.org)

Loading...

Vi consigliamo anche