0 Condivisioni 453 Leggi tutti gli articoli

Pozzuoli: apre il primo bar gestito da persone con la sindrome di down

Gianfranco Mingione - 2 febbraio 2017
Gianfranco Mingione
2 febbraio 2017
453 Leggi tutti gli articoli
pozzuoli-apre-primo-bar-gestito-da-persone-down

La diversità una ricchezza mai un ostacolo. Ha aperto a Pozzuoli, in Campania, il primo bar gestito da persone disabili. Il punto ristorativo sorge all’interno della Multicenter School, in via Campana, una scuola presso la quale si sono formati i ragazzi down che hanno ora il compito di lavorare all’interno del bar. Hanno tutti svolto un percorso di studi e dietro questo progetto c’è il grande lavoro compiuto dall’Associazione “Bottega dei semplici pensieri”, sita nel comune di Quarto, in provincia di Napoli. L’associazione si occupa da diversi anni di assistenza alle persone down.

I nuovi baristi e bariste avranno il compito di preparare cappuccini, caffè e quant’altro, per gli insegnanti e gli studenti della scuola in cui anche loro si sono formati. La direttrice dell’associazione, Mariolina Trapanese, ha così commentato l’evento: “Questo evento vuole essere una celebrazione del lungo ma proficuo percorso che negli ultimi anni ha visto protagonisti i ragazzi down e con lievi ritardi mentali che fanno parte della nostra associazione, oltre che essere un momento di inaugurazione ufficiale del Bar della Multicenter School, che gestiscono in autonomia sotto lo sguardo vigile dei tutor”.

Un trampolino di lancio verso il mondo del lavoro. Il bar, prosegue la direttrice, permetterà ai ragazzi di inserirsi “in un contesto sociale a diretto contatto con il pubblico, che li fa utilizzare strumenti di lavoro atti a sviluppare e migliorare le loro abilità lavorative e comportamentali”. Un’occasione per fare esperienza e “che può trovarli pronti per un eventuale inserimento lavorativo vero e concreto, come è già successo a tre di loro che hanno ottenuto un contratto lavorativo semestrale grazie al programma Garanzia Giovani”.

(Fonte: lacittadisalerno.gelocal.it)

(Foto: Repubblica Napoli)

Loading...

Vi consigliamo anche