0 Condivisioni 336 Leggi tutti gli articoli

Riforme Renzi: cosa prevede la Legge di Stabilità 2016

LaRedazione - 14 ottobre 2015
LaRedazione
14 ottobre 2015
336 Leggi tutti gli articoli
renzi legge stabilità 2015 novità riforme

Una riforma straordinaria quella che il premier Matteo Renzi ha anticipato in un’intervista a RTL 102.5, parlando della Legge di Stabilità che segnerà numerosi cambiamenti a partire dai prossimi mesi. Quella che si preannuncia come la nuova strategia in campo per la ripresa del Paese si compone di vari capitoli. Eccoli nel dettaglio.

Minimo contante
Modifica alla soglia per l’uso dei contanti: dai 1000 euro si alza a 3000 – ovvero quella che è la media europea – con il preciso scopo di incentivare i consumi senza eliminare la tracciabilità delle transazioni.

Contrattazione sindacale
La proposta è quella di lasciare che il dialogo fra i sindacati e Confindustria porti alla contrattazione ma – se le parti non giungono a soluzione – permettere che il Governo possa intervenire sulla legge di rappresentanza ed evitare scioperi a catena o disservizi ai cittadini.

Pensioni anticipate
Confermata la flessibilità in uscita dal mondo del lavoro seppur con delle penalizzazioni. Tuttavia, l’intera riforma delle pensioni dovrà essere completa e non raffazzonata prima di entrare in vigore, motivo per cui il Presidente del Consiglio ha annunciato che la prossima manovra sulle pensioni anticipate richiederà tempo (non verrà definita quindi prima dei prossimi 3 mesi).

Partite Iva
Fra le promesse che il Governo mira a mantenere c’è anche quella di un’azione sui regimi minimi.

80 euro
Confermato anche per l’anno prossimo il bonus degli 80 euro mensili, istituito già da quest’anno.

Irpef
Dal 2018 l’intenzione è di intervenire anche sulle tasse sul reddito delle persone fisiche.

Ancora in discussione invece alcuni temi delicati, come i diritti delle coppie di fatto e la stepchild adoption, ossia l’adozione da parte di uno dei due componenti di una coppia del figlio – naturale o adottivo – del partner, sia nella coppia etero che omosessuale.

Non mancano in generale poi le polemiche sulle intenzioni accennate da Renzi sulle prossime manovre al vaglio del Consiglio dei Ministri. Quello che sembra certo è che, stando al calendario dei lavori, in aula si dovrà improrogabilmente discutere e votare la Legge di Stabilità domani, 15 ottobre.

[foto: IlFattoQuotidiano.it]

Loading...

Vi consigliamo anche