0 Shares 256 Views

Tredicesima NoiPa 2018: come funziona?

dgmag - 1 dicembre 2018
dgmag
1 dicembre 2018
256 Views
Tredicesima NoiPa 2018 , funzionamento

La Tredicesima NoiPa 2018 per dipendenti pubblici e privati: chi ne ha diritto?Dicembre rappresenta un mese importante per i dipendenti della pubblica amministrazione, ma anche per quelli del settore privato. Oltre all’annuale chiusura dei conti aziendali, ci sarà la distribuzione della tredicesima, una mensilità aggiuntiva rispetto alle altre dodici previste dai contratti.

Tredicesima NoiPa 2018: il funzionamento

Con la fine dell’anno, dunque, i lavoratori riceveranno in busta paga un nuovo stipendio, che rappresenta una gratifica natalizia molto apprezzata. In particolare, i dipendenti pubblicpagamentoi possono trovare l’accredito della loro tredicesima caricata direttamente su NoiPa 2018, un portale che si può consultare online e che viene gestito direttamente dal Ministero dell’Economia.

Per accedere a NoiPa 2018 bisogna collegarsi a internet e fare login nell’area riservata. Una volta compiuto l’accesso, inserendo tutti i dati personali, si potrà accedere alla sezione denominata “Documenti” e consultare il cedolino corrispondente al mese di dicembre.

Su NoiPa 2018 i dipendenti pubblici possono trovare tutti i dati inerenti ai loro stipendi e alla liquidazione. Per quanto riguarda la tredicesima degli statali, essa di norma decorre entro e non oltre il 7 dicembre e l’emissione viene gestita dalla Banca d’Italia. Per gli insegnanti delle elementari, invece, la tredicesima mensilità viene distribuita il 14 dicembre, mentre per i supplenti la data più precisa è il giorno 16.

A chi spetta?

Ai lavoratori del settore privato e pubblico, i pensionati e altre categorie specifiche come le colf o le badanti e a tutti i dipendenti che hanno un regolare contratto continuativo.

Ci sono casi particolari in cui la tredicesima NoiPa 2018 non viene distribuita per vari motivi:

  • congedo parentale, ossia un tipo di astensione facoltativo dovuto alla maternità,
  • astensioni particolari come quelle inerenti alla malattia del figlio, che riguarda le
  • lavoratrici donne per malattie proprie maturate oltre il periodo di comporto.

Anche il lavoratore part-time e chi è in cassa integrazione non avrà diritto alla tredicesima, oppure quei dipendenti che hanno sottoscritto contratti che non prevedono nessun tipo di premio aggiuntivo. Per questa tipologia di persone dovrebbe intervenire lo Stato, affinché si possa garantire pure a loro uno stipendio extra rispetto agli altri dodici.

In definitiva, la tredicesima è una mensilità che arriva nel periodo natalizio e che, insieme allo stipendio regolare, può consentire ai dipendenti pubblici o privati di possedere una somma di denaro prezioso da utilizzare per le festività. Sul portale NoiPa si possono trovare tutte le informazioni al riguardo ed esso si può consultare anche negli uffici Caf del proprio comune di residenza.

Loading...

Vi consigliamo anche

Forfettario 2019: cosa cambia?
Lavoro

Forfettario 2019: cosa cambia?

Emanuele Calderone - 11 gennaio 2019
Esenzione canone Rai 2019: come fare?
Attualità

Esenzione canone Rai 2019: come fare?

Alessandro Crupi - 10 gennaio 2019