0 Condivisioni 389 Leggi tutti gli articoli

Uomo si dà fuoco davanti alla villa di Silvio Berlusconi: “Ecco perché l’ho fatto”

LaRedazione - 15 dicembre 2015
LaRedazione
15 dicembre 2015
389 Leggi tutti gli articoli

Claudio Usala, un giovane imprenditore di Cagliari, ieri mattina si è dato fuoco davanti Villa San Martino, la lussuosa residenza di Arcore di Silvio Berlusconi. L’uomo era già stato avvistato la notte precedente aggirarsi per quei luoghi, ma nessuno poteva lontanamente immaginare i suoi propositi estremi.

Claudio si è cosparso di benzina lungo tutto il corpo e poi ha utilizzato un accendino con cui ha iniziato a darsi fuoco. Fortunatamente per lui è stato salvato dai Carabinieri che, in quel momento, presidiavano i cancelli della villa di Berlusconi.

Immediati i soccorsi che hanno consentito a Claudio di essere trasportato con un elicottero presso l’ospedale Niguarda, una nota clinica di Milano. Al momento le condizioni di salute del protagonista di questo folle gesto sono fuori pericolo, anche se l’uomo ha riportato gravi ustioni su alcune parti del suo corpo. Adesso resta da capire quali sono le motivazioni che l’hanno condotto a darsi fuoco e, in base alle prime indagini condotte dagli inquirenti, si è scoperto che Usala è il titolare di “V-Connect”, un’agenzia pubblicitaria che sta rischiando il fallimento per colpa della chiusura del proprio credito.

Si tratta dell’ennesima storia tutta italiana, o meglio, di una situazione in cui un piccolo imprenditore che non riesce a far quadrare i conti tenta il suicidio. Ed è lo stesso Claudio ad aver fornito la prima testimonianza ai Carabinieri durante il suo ricovero al Niguarda: secondo la sua versione dei fatti, alcuni giorni fa la sua banca gli avrebbe ridotto il fido bancario, costringendo la sua agenzia al collasso economico e al licenziamento dei suoi dipendenti.

Ma perché Claudio abbia scelto la villa di Berlusconi e non una sede istituzionale più vicina al Governo per mettere in scena la sua folle protesta, è uno dei misteri intorno a questa vicenda. Quando un uomo decide di sacrificare la propria vita tentando il suicidio, dietro c’è sempre un certo simbolismo in cui si può circoscrivere un gesto così estremo e scegliere la residenza di una persona importante come Silvio Berlusconi è forse il tentativo di dare, alla propria vicenda personale, un’ampia risonanza mediatica.

Il Cavaliere di Arcore non ha rilasciato nessuna dichiarazione in merito, ma la storia di Claudio Usala arriva anche in un momento in cui, nel nostro Paese, sono note le vicende della Banca Etruria e delle centinaia di persone che sono state truffate e hanno perduto tutti i risparmi di una vita. Il folle gesto di Claudio presenta dunque delle analogie con quello che ha compiuto l’imprenditore di Civitavecchia, Luigino D’Angelo, che si è suicidato nei giorni scorsi: sono segnali, questi, che forse il Governo non dovrebbe ignorare.

[Foto: ilgiornale.it]

Loading...

Vi consigliamo anche