0 Condivisioni 300 Leggi tutti gli articoli

Atto Mof: cosa è?

Martina Manoni - 24 marzo 2019
24 marzo 2019
300 Leggi tutti gli articoli
Atto Mof poste italiane cosa è

L’Atto Mof è un avviso di giacenza di Poste Italiane, nello specifico viene rilasciato dopo il primo tentativo di consegna del plico e non è quindi l’avviso finale. Poste Italiane ha organizzato una modalità molto strutturata per quanto riguarda la consegna degli atti giudiziari. Ogni tipo di plico ha un codice a barre che ne consente la tracciabilità come se fosse un pacco. Inoltre quando viene lasciato un avviso da parte del postino è possibile leggere un codice identificativo che permette di conoscere in anteprima il contenuto di quel documento. Ecco cosa è l’Atto Mof.

Atto Mof, cosa identifica?

In particolare l’Atto Mof serve ad identificare la consegna di una cartella di pagamento da parte dell’Agenzia delle Entrate. Essendoci stati in passato molti problemi relativi proprio alla consegna di questi atti (irregolarità, contestazioni e altri tipi di deficit nelle consegne), il servizio postale ha deciso di introdurre per tutto il territorio questo avviso di cortesia. Quando il postino viene al domicilio e non trova la persona indicata, lascia l’Atto Mof. Si tratta di un talloncino che sta ad indicare non solo il tentativo di consegna ma anche l’indicazione con cui si avvisa la persona del contenuto della busta in modo discreto.

Sull’avviso, oltre alla dicitura Atto Mof è possibile anche leggere il codice T&T dell’atto, in questo modo è possibile risalire alla tipologia di pagamento dovuto ovvero se si tratta di una cartella esattoriale, una multa non pagata o un bollo auto non pagato. Sulla lettera posta nella buca delle lettere vi è anche specificata la data e l’ora del tentativo di consegna e la specifica in cui si chiarisce che sarà fissata una seconda consegna dopo dieci giorni. In alternativa, chi lo volesse, può contattare il numero verde riportato sul talloncino per concordare una consegna dell’atto.  

Atto Mof, ecco come ritirarlo

Come si ritira l’Atto Mof? Per il destinatario è anche possibile rivolgersi all’ufficio postale indicato sull’atto per prendere personalmente in determinate fasce orarie il documento. Se non si riesce a notificare l’atto e il diretto interessato non ritira volutamente la cartella per non pagare il contenuto, l’Agenzia delle Entrate procede ugualmente con la pratica. L’ufficio formalizza la giacenza e invia una raccomandata informativa al debitore in cui spiega che la notifica dell’Atto Mof è stata effettuata per compiuta giacenza.

[Foto: www.napolitoday.it]

Loading...

Vi consigliamo anche