0 Shares 207 Views

Punti patente: come verificarli?

dgmag - 21 settembre 2018
dgmag
21 settembre 2018
207 Views
punti patente

Penalità e recupero punti patente. Ecco a voi tutte le informazioni necessarie per sapere quanti punti abbiamo sulla patente.

Punti patente: come verificarli?

Introdotta nell’ormai lontano 2003, quella dei punti patente è stata una piccola rivoluzione. A distanza di quindici anni, suscita ancora particolari difficoltà e incertezze. Come funziona e, soprattutto, quanti punti il possessore di un veicolo può perdere in caso di infrazione?

Per rispondere a queste e ad altre domande bisogna collegarsi al Portale dell’automobilista. Si tratta di un sito patrocinato dal Ministero dei Trasporti, gratuito, che va incontro a tutte le curiosità dell’utente. Al suo interno è possibile controllare le informazioni inerenti ai punti della propria patente, oltre a quelle sulla revisione dell’auto.

Ma entrando più nello specifico: quali sono i casi in cui si possono perdere punti sulla patente? La decurtazione si basa su varie violazioni del codice stradale e può variare da un massimo di dieci a un minimo di un punto.

Per fare un paio di esempi concreti, chi viene sorpreso a circolare contromano e in condizioni di scarsa visibilità su una strada o un’autostrada. Oppure nei pressi di un dosso e una curva, perde dieci punti. Di un solo punto, invece, è la decurtazione per chi utilizza in modo improprio i fari.

I vari casi

Molti cittadini non sanno che la penalità può raddoppiare nei casi in cui il trasgressore sia un automobilista che possiede la patente da soli tre anni. In questo e in tutti gli altri casi, la comunicazione della perdita dei punti viene comunicata direttamente a casa. Ed avviene con una nota scritta che informa sulla decurtazione subita.

Ci sono anche sottrazioni di punti che riguardano più violazioni. In questi casi cosa succede? Se non è prevista la revoca o la sospensione della patente, la decurtazione può arrivare anche a un massimo di quindici punti.

Inoltre, la patente può essere revisionata. In questo caso, il conducente dovrà sottoporsi a un esame di guida entro trenta giorni. Se non dovesse superarlo, la patente viene sospesa a tempo indeterminato, così come chi riceve tre multe consecutive in un anno solare.

Aumento dei punti

I punti patente si possono incrementare o recuperare. Nel primo caso, ogni biennio si ottengono due punti qualora però non sia stato commesso nessun tipo di infrazione. E’ un provvedimento che va a premiare gli automobilisti definiti “virtuosi”.

Per quanto riguarda il recupero dei punti, la situazione è diversa. Se la perdita è inferiore ai cinque punti, essi saranno ripristinati in modo autonomo dopo un anno. A patto che non siano violati i codici stradali e di altro tipo. Se i punti persi sono più di cinque, allora bisogna frequentare dei corsi specifici nelle scuole guida e sottoporsi a un esame di revisione.

[Foto: www.cercaofficina.it]

Loading...

Vi consigliamo anche