0 Condivisioni 383 Leggi tutti gli articoli

Sms all’amante, ecco come provare l’infedeltà

Martina Manoni - 31 dicembre 2018
31 dicembre 2018
383 Leggi tutti gli articoli
sms all'amante, come provare l'infedeltà

Scoprire gli sms all’amante è sufficiente per poter provare l’infedeltà del coniuge in tribunale. I Giudici della Corte di cassazione, con sentenza n. 5510/2017, hanno stabilito che anche un solo sms inviato all’amante può costituire prova di tradimento. Se il coniuge riesce a scoprire i messaggi inviati si può dunque attribuire la colpa della separazione e il divorzio con addebito. L’infedeltà via sms può essere dunque molto pericolosa e compromettere gli esiti della separazione. Vediamo i dettagli della sentenza.

Gli sms all’amante sono la prova del tradimento del coniuge

Gli sms all’amante sono una prova tangibile del tradimento del coniuge. Per dimostrare l’infedeltà e ottenere l’addebito della separazione è sufficiente produrre in giudizio i messaggi che il coniuge avrebbe scambiato con l’amante. I vari sms costituiscono una prova che può essere acquisita dal Giudice in tribunale con lo scopo di dimostrare la colpevolezza e l’infedeltà del coniuge.

L’art. 151 c.c., secondo comma stabilisce che: “il giudice, pronunziando la separazione, dichiara, ove ne ricorrano le circostanze e ne sia richiesto, a quale dei coniugi sia addebitabile la separazione, in considerazione del suo comportamento contrario ai doveri che derivano dal matrimonio”. Gli sms all’amante rappresentano dunque una violazione dell’obbligo di fedeltà, sancito nel momento del matrimonio.

Come acquisire gli sms all’amante senza violare la privacy

La giurisprudenza afferma che leggere gli sms del partner in sua assenza costituisca un comportamento illecito. Questo perché il rapporto che lega marito e moglie deve comunque rispettare la privacy dei coniugi e la loro riservatezza. Occhio dunque a strappare di mano il cellulare del coniuge, perché sarebbe reato di violenza.

Come provare dunque gli sms all’amante e il loro contenuto per dimostrare il tradimento? La testimonianza resa dal coniuge tradito non è ammessa, a meno che il messaggio sia stato letto da una terza persona. In questo caso il testimone esterno può essere chiamato in giudizio per provare l’infedeltà.

[Foto: https://quifinanza.it]

Loading...

Vi consigliamo anche