0 Shares 452 Views

I servizi d’intelligence USA consigliano di non comprare smartphone cinesi

Emanuele Calderone - 16 febbraio 2018
Emanuele Calderone
16 febbraio 2018
452 Views
USA vorrebbero chiudere le porte a Huawei per pericolo furto informazioni

Cia, Fbi e Nsa, i principali organi di intelligence statunitensi hanno rilasciato un comunicato estremamente curioso riguardante l’acquisto degli smartphone: secondo le agenzie in questione, infatti, i cittadini USA dovrebbero evitare assolutamente di comprare gadget di telefonia provenienti dalla Cina. Niente Huawei dunque, così come Xiaomi e ZTE. La ragione? Tali società potrebbero rubare informazioni al governo.

A confermarlo è stato Chris Wray, capo dell’FBI, che ha dichiarato in una conferenza “Consentirebbe loro di modificare o rubare informazioni e consentirebbe loro di fare spionaggio senza essere scoperti”. La questione, come era logico ipotizzare, ha fatto scattare subito la risposta dei vertici Huawei, che a loro volta hanno commentato “Siamo consapevoli delle tante attività del governo americano finalizzare a ostacolare il business di Huawei nel loro mercato. Ma abbiamo ottenuto la fiducia da governi e consumatori in 170 Paesi in tutto il mondo. Non portiamo rischi di cybersicurezza, non più di ogni venditore di soluzioni informatiche e di comunicazione”.

La reazione della multinazionale cinese è legata anche alla mancanza di possibilità di commercializzare sul suolo statunitense alcuni smartphone di fascia alta, come il Mate 10 Pro, diretto avversario dell’Iphone 8.
Sulla questione è intervenuto anche il governo cinese: le alte sfere, anche per smorzare un poco i toni, hanno dichiarato “Siete e resterete leader, non dovete temerci. Non avete motivo di sentirvi insicuri e, comunque, la sicurezza assoluta non esiste”.

Certo, sembra davvero strano chiudere le porte in faccia a una multinazionale importante e prestigiosa come Huawei, specie in un momento storico, questo, in cui la parola libero scambio descrive al meglio il mercato.

[fonti articolo: corriere.it, rainews.it]
[foto: corriere.it]

Loading...

Vi consigliamo anche