0 Shares 459 Views
00:00:00
17 Aug

Nepal, disastro aereo a Kathmandu: trentanove i morti e dieci dispersi

La Redazione - 12 marzo 2018
La Redazione
12 marzo 2018
459 Views
Incidente aereo

E’ avvenuto a Kathmandu, in Nepal, l’incidente aereo che ha scosso l’opinione pubblica di tutto il mondo. Un veicolo della linea bengalese, un Bombardier Dash 8 Q400 costruito diciassette anni fa, si è schiantato durante le manovre di atterraggio, causando la morte di trentanove passeggeri.

Da una prima ricostruzione fatta della autorità si è scoperto che, a bordo, c’erano sessantasette passeggeri e quattro membri dell’equipaggio. Lo schianto è avvenuto alle ore 14:20 locali quando qui in Italia erano le nove e mezzo del mattino. Sul luogo dell’impatto, un campo di calcio distante poche centinaia di metri dall’aeroporto, sono giunti i pompieri che hanno immediatamente spento il fuoco e aiutato i soccorsi.

Il bilancio redatto dagli inquirenti in queste ultime ore ha assunto tinte davvero fosche: sono ben dieci, infatti, i dispersi, passeggeri di cui, al momento, non si sono ancora recuperati i corpi e che potrebbero trovarsi all’interno del relitto distrutto, o nei pressi del luogo in cui è avvenuto l’impatto.

Un altro dato che è emerso dalle prime ricostruzioni l’ha reso noto la televisione indiana, e riguarda proprio i passeggeri: sui sessantasette totali, ventitré sono i feriti recuperati nei pressi dell’impatto. Queste persone sono state subito ricoverate nei diversi ospedali di Kathmandu e province limitrofe, e alcune di esse versano in condizioni gravi.

Incerte anche le cause dell’incidente, probabilmente un’anomalia ai motori: il Bombardier Dash sembra abbia perduto la sua velocità durante la fase di atterraggio, per poi sbandare e uscire dalla sua pista impattando in un campo di calcio. Sul web si è diffuso un video in cui è possibile vedere una grossa colonna di fumo nera innalzarsi sul luogo dell’incidente e le fiamme dell’incendio.

In vari siti Internet sono state postate anche le foto del relitto bruciato, ma proprio in queste ultime ore un passeggero superstite ha rilasciato il primo commento sul terribile incidente di cui è stato, suo malgrado, protagonista. L’identità del testimone non è stata ancora accertata, ma costui ha rivelato di aver assistito ai movimenti scomposti dell’aereo e poi, in seguito, di aver udito l’eco di un’esplosione.

In attesa di una ricostruzione ufficiale che faccia chiarezza sulla dinamica dell’incidente, diventa dunque fondamentale il recupero della scatola nera. Nel frattempo, l’aeroporto di Kathmandu è stato chiuso e tutti i voli previsti nelle prossime ore sono stati sospesi, mentre la popolazione indiana si stringe intorno ai parenti delle vittime.

[Foto: ANSA.it]

Loading...

Vi consigliamo anche