0 Shares 213 Views

Pentagono, le foto mai viste dell’attacco dell’11 settembre

Emanuele Calderone - 31 marzo 2017
Emanuele Calderone
31 marzo 2017
213 Views
Attentati 11 Settembre ecco le nuove foto dell'FBI

L’11 Settembre 2001 è una data che rimarrà impressa nella storia per sempre. Gli attacchi terroristici che colpirono gli Stati Uniti causarono la morte di 2996 persone e il ferimento di circa 6000, più o meno gravi. Naturalmente il più eclatante fu l’attacco alle torri gemelle, considerate il simbolo della potenza economica degli Stati Uniti, ma venne colpito anche il Pentagono e, per poco, non venne colpito anche il Campidoglio.

Degli attentati dell’11 Settembre è stato detto tutto e il contrario di tutto, tra esimi professori che hanno spiegato come siano andate realmente le cose, e fantasiosi complottisti che mai hanno creduto alle fonti ufficiali. Forse anche per mettere a tacere alcune di queste stupide voci ma anche per dare più informazioni ai cittadini americani e non, l’FBI ha deciso di rendere pubbliche alcune fotografie di quanto accaduto al Pentagono. Lo schianto del Boeing 757 provocò la morte di 189 persone, molti dei quali erano semplici impiegati (solo 64 persone, infatti, erano a bordo del velivolo e nessuna di esse è riuscita a salvare la propria vita). Il colpo causò conseguenze estremamente gravi anche da un punto di vista strutturale, tanto che l’incendio che divampò all’interno della struttura fu domato solo dopo alcuni giorni; inoltre parte dell’edificio collassò su sé stessa.

Dalle immagini si possono anche chiaramente scorgere parti dell’aereo che ha colpito il Pentagono.

Nonostante ancora alcuni aspetti di questa tristissima vicenda vadano compresi e spiegati -ma d’altra parte un attacco terroristico di tale portata, in epoca moderna, non era mai accaduto-, queste immagini rappresentano di certo un considerevole passo avanti e sono altresì un documento di grandissima rilevanza.

[fonti articolo: corriere.it, panorama.it, repubblica.it]

[foto: panorama.it]

Loading...

Vi consigliamo anche