0 Shares 291 Views
00:00:00
20 Sep

Roma, bambini distruggono il Titanic di Lego: genitori multati

Gianfranco Mingione - 17 ottobre 2017
Gianfranco Mingione
17 ottobre 2017
291 Views
Bambini distruggono il Titanic di Lego

Quando giocare crea danni. I genitori dei due fratellini di 10 e 12 anni che ieri hanno causato il crollo del Titanic di Lego, sono sicuramente tornati a casa con un pensiero in più. Purtroppo, i due bambini, sono riusciti a salire sul Titanic esposto alla mostra Brikmania di Roma e, a causa del loro peso, lo hanno distrutto. Lungo sette metri, interamente costruito con i Lego, il Titanic è stato rimesso in piedi dopo un’intera notte di lavoro. Per i genitori è arrivato così un conto salato: dovranno pagare una multa di 1500 euro.

Non è bastato l’aiuto dei genitori per ricomporre l’opera. La famiglia stava trascorrendo una giornata a Brikmania, dove sono presenti ben 120 opere inerenti la storia dei mezzi di trasporto, create da artisti internazionali con l’utilizzo di 3 milioni di mattoncini. Questo il racconto di Mauro Rigoni, titolare di Venice Exhibition, società produttrice della mostra: “Lo steward è riuscito a far scendere i due ragazzini fuori controllo mentre il personale di reception, immediatamente informato, rintracciava i genitori (…) purtroppo il danno ormai era fatto e dico solo che in tre persone poi ci hanno messo due ore solo per raccogliere i pezzi volati dappertutto nella sala. I genitori si sono scusati tanto essendo degli appassionati e sono apparsi costernati a tal punto da offrirsi loro stessi come aiuto per la raccolta dei mattoncini da terra, ma non è bastato. Sfortunatamente alcune decine di pezzi rintracciabili solamente in raccolte, rimasti schiacciati dal peso dei bambini con le scarpe, si sono irrimediabilmente deformati e non si incastravano più come prima compromettendo la stabilità di alcune strutture del modello”.

I genitori hanno lasciato i loro riferimenti al personale della mostra ed ora dovranno sostenere i costi di ripristino del Titanic di Lego.

(Fonte: www.romatoday.it)

(Foto: roma.repubblica.it)

Loading...

Vi consigliamo anche