0 Shares 391 Views
00:00:00
16 Aug

Berlusconi: no ad ipotesi grande coalizione e sforamento tetto 3 per cento

Gianfranco Mingione - 24 gennaio 2018
Gianfranco Mingione
24 gennaio 2018
391 Views
bersluconi-no-ipotesi-grande-coalizione-salvini-si-a-sforamento-3%

Berlusconi: no ad una grande coalizione. Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, al termine dell’incontro con il presidente del Partito popolare europeo (Ppe), Josep Daul, a Bruxelles, ha parlato delle prossime elezioni del 4 marzo. Tra i temi affrontati l’ipotesi di una grande coalizione che, secondo il leader di Forza Italia, “ancora oggi molti giornali insinuano, non è reale”. Per l’ex premier il centrodestra uscirà vittorioso dalle elezioni e otterrà la maggioranza in entrambi i rami del Parlamento.

La sinistra e Grillo: dalla scatola vuota alla setta. Berlusconi ha parlato anche dei due principali contendenti del centrodestra: il Partito democratico e il Movimento Cinque Stelle. In merito alla sinistra ha affermato: “è una scatola vuota senza progetti e senza un’anima, vinceremo noi le elezioni”. Non ha risparmiato critiche neanche ai Cinque Stelle: “Il M5S è un partito populista, non è un partito democratico, è una setta che dipende dagli ordini che riceve dall’alto, sono come erano i comunisti di allora che erano pronti a cambiare le loro posizioni dietro un ordine di Mosca” (Fonte: www.tgcom24.mediaset.it).

La replica di Salvini ad una eventuale grande coalizione. Il leader della Lega Matteo Salvini, nel corso di una conferenza stampa alla Camera, ha espresso la stessa posizione di Berlusconi in merito ad un’eventuale ipotesi di grande coalizione: “Chi vota Lega fa una scelta chiara. Noi non siamo disponibili a sostenere governi con il centrosinistra imposti dalla Ue”.

Salvini prende le distanze sul tetto del 3%. Le distanze con Forza Italia emergono sul tetto del 3% del rapporto deficit/Pil stabilito dall’Europa e al quale l’ex cavaliere, nel corso dell’incontro a Bruxelles, ha detto di volersi conformare: “Per difendere l’interesse nazionale delle nostre imprese e delle famiglie la Lega è disposta a tutto, anche a disapplicare le regole europee che si sono dimostrate un disastro”, ha affermato Salvini. Per il leader del Carroccio “il numerino 3, se danneggia il risparmio, le famiglie italiane e il lavoro, per noi non esiste”.

(Foto: Lettera43)

Loading...

Vi consigliamo anche