0 Shares 261 Views

M5S: scovati altri due candidati appartenenti alla massoneria

Emanuele Calderone - 16 febbraio 2018
Emanuele Calderone
16 febbraio 2018
261 Views
Massoni nel Movimento 5 Stelle

Il caso del candidato campano del Movimento 5 Stelle appartenente alla massoneria ha creato un vero e proprio terremoto nel partito. Sembra ora che siano spuntati altri due nomi di candidati appartenenti al Grande Oriente: il candidato toscano Piero Landi e il calabrese Bruno Azzerboni, infatti, sarebbero anche loro affiliati alla stessa obbedienza massonica.

La storia del campano Vitiello era inizialmente emersa grazie a un’indagine del Foglio e pian piano si è allargata ad altri esponenti. In un comunicato, il Movimento 5 Stelle dichiara che “Bruno Azzerboni e Piero Landi al momento della sottoscrizione della candidatura non hanno detto la verità e non ci hanno informato di far parte di una loggia massonica. Purtroppo non c’è nessun obbligo di legge a rendere pubblico l’iscrizione a una loggia massonica. Per questa ragione non possono stare nel Movimento 5 Stelle e sempre per questo motivo gli sarà richiesto di rinunciare al seggio. Li inibiamo dall’utilizzo del simbolo e ci riserviamo di agire nelle opportune sedi al fine di risarcire eventuali danni di immagine cagionati al Movimento 5 Stelle”.
Non solo, dunque, i due verranno quanto prima espulsi dalle liste di candidatura del Movimento, ma molto probabilmente dovranno anche risarcire il partito politico in cui hanno militato.

Dopo il fattaccio del mancato rimborso da parte di alcuni parlamentari -ad oggi mancherebbero in totale 795 mila euro, che dovrebbero essere versati da otto persone-, il Movimento 5 Stelle deve ora occuparsi anche di quest’altro fastidioso inconveniente.

[fonti articolo: corriere.it, ilfattoquotidiano.it, repubblica.it]
[foto: huffingtonpost.it]

Loading...

Vi consigliamo anche